Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 April;68(4) > Minerva Anestesiologica 2002 April;68(4):147-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

CONFERENCES  SMART 2002 Milano 29-31 maggio


Minerva Anestesiologica 2002 April;68(4):147-50

lingua: Inglese

Agopuntura: un utile complemento dell’anestesia?

Akça O., Sessler D. I. *

From the Neurosciences ICU, Outcomes Research® Institute, Department of Anesthesiology, University of Louisville, Louisville, KY, USA
*Outcomes Research® Institute, Distinguished University Research Chair, Lolita and Samuel Weakley Professor of Anesthesiology University of Louisville, Louisville, KY, USA Ludwig Boltzmann Institute University of Vienna, Vienna, Austria


FULL TEXT  


Dato che l’agopuntura ha effetti analgesici ci si potrebbe aspettare che riduca il bisogno dei farmaci normalmente utilizzati durante anestesia generale. In questa review discutiamo quattro studi, condotti in doppio cieco e controllati con gruppo placebo, che hanno vaalutato la capacità dell’agopuntura di ridurre il bisogno di farmaci anestetici o analgesici.
Tre studi (condotti da Greif et al., Morioka et al. e Taguchi et al.) hanno esaminato se la stimolazione elettrica transcutanea di alcuni punti di agopuntura possa ridurre il bisogno di anestetici. Lo studio condotto da Kotani et al. ha invece valutato l’ipotesi che l’infissione preoperatoria di aghi intradermici lungo il meridiano di vescica possa ridurre il dolore postoperatorio e la richiesta di oppioidi.
Conclusioni: in nessuno dei tre studi la stimolazione dei punti di agopuntura ha prodotto una riduzione rilevante dal punto di vista clinico nel bisogno di anestetici. Lo studio di Kotani et al. ha invece dimostrato che almeno alcune tecniche di agopuntura hanno consentito una sostanziale analgesia postoperatoria e ridotto la richiesta di oppioidi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail