Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2001 November;67(11) > Minerva Anestesiologica 2001 November;67(11):803-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  TERAPIA ANTALGICAFREEfree


Minerva Anestesiologica 2001 November;67(11):803-10

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Stimolazione elettrica epidurale e qualità della vita nei pazienti affetti da angina pectoris refrattaria

Rapati D., Capucci R., Berti M., Danelli G., Torri G., Alfieri O.

Istituto Scientifico Ospedale S. Raffaele - Milano Servizio di Anestesia e Rianimazione *Divisione di Cardiochirurgia


FULL TEXT  


Obiettivo. La stimolazione elettrica del midollo spinale è una terapia che sfrutta gli effetti antalgici e vasodilatatori sul microcircolo prodotti da un elettrodo stimolatore posizionato nello spazio peridurale. Da quindici anni questa terapia è utilizzata per trattare l’angina pectoris refrattaria. Lo scopo che ci siamo prefissi con il nostro studio è stato quello di valutare l’efficacia clinica, in termini di beneficio sintomatico e soprattutto di miglioramento della qualità di vita nei pazienti anginosi trattati con stimolazione elettrica del midollo spinale (Spinal Cord Stimulation, SCS).
Metodi. Nel periodo da novembre 1998 a dicembre 2000 abbiamo trattato con Spinal Cord Stimulation 17 pazienti affetti da angina refrattaria (classe funzionale III o IV Canadian Cardiovascular Society) insorta da oltre un anno. Tutti i pazienti avevano subito una o più procedure di rivascolarizzazione tradizionali, ed erano sotto terapia farmacologica massimale. I pazienti sono stati assegnati alla terapia con neurostimolazione in quanto non era più possibile tecnicamente ripetere su di loro altri interventi di rivascolarizzazione. Abbiamo rilevato, la qualità della vita, prima e dopo terapia, mediante un test che esplora in modo semplice e multidimensionale questo parametro (QL index di Spitzer). Abbiamo rilevato la accettabilità, morbilità della tecnica e la mortalità del gruppo durante un follow-up medio di 10 mesi. Abbiamo infine registrato il numero degli attacchi anginosi settimanali, il consumo di nitrati e la classe funzionale cardiologica (CCS), prima di iniziare la terapia e a distanza di 1, 3 e 6 mesi di tempo.
Risultati. La terapia con stimolazione elettrica del midollo è stata efficace in 13 pazienti su 17 (76,47%). Nei responders la qualità della vita è migliorata del 70%; in questi pazienti gli attacchi anginosi settimanali si sono ridotti da 11,76±7,56 a 2,14±2,54, e la classe funzionale da 3,30±0,75 a 1,5±0,53. Non abbiamo avuto complicanze periprocedurali importanti. La mortalità annua è stata del 6,6%. La tecnica si è rivelata di facile applicazione.
Conclusioni. I risultati dello studio ci inducono a concludere che la stimolazione elettrica del midollo spinale è una terapia efficace, sicura, facilmente eseguibile e ben tollerata dai pazienti con angina refrattaria alla rivascolarizzazione tradizionale. Questa tecnica contribuisce ad un miglioramento sostanziale della qualità della vita dei pazienti affetti da angina refrattaria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail