Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2001 October;67(10) > Minerva Anestesiologica 2001 October;67(10):751-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

  ARTICOLI SPECIALIFREEfree


Minerva Anestesiologica 2001 October;67(10):751-66

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La radice di mandragora nel «Dioscoride Viennese»

Peduto V. A.

Università degli Studi - Perugia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale


FULL TEXT  


Presso la Biblioteca Nazionale di Vienna è conservato, sotto la dizione «Codex medicus graecus 1», un erbario compilato a Costantinopoli nel 512 d.C. Le illustrazioni del prezioso manoscritto, capostipite di tutti i prontuari di farmacologia officinale del medioevo e dell’era moderna, hanno consentito di ricostruire, attraverso l’opera di Dioscoride e i rimandi a Teofrasto, Plinio, Flavio Giuseppe, Frontino ed altri Autori dell’antichità classica, l’origine della parola «anestesia» e le molte leggende sul rito di raccolta e sulle virtù narcotiche e afrodisiache della radice antropomorfa della mandragora.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail