Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2001 Luglio-Agosto;67(7-8) > Minerva Anestesiologica 2001 Luglio-Agosto;67(7-8):563-71

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA


Minerva Anestesiologica 2001 Luglio-Agosto;67(7-8):563-71

lingua: Italiano

Analisi e confronto delle linee guida riguardanti la gestione della Recovery-Room

Leykin Y., Costa N., Gullo A. *

Azienda Ospedaliera «Santa Maria degli Angeli» - Pordenone II Servizio di Anestesia e Rianimazione - Università degli Studi - Trieste
*Unità Clinica Operativa di Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


Questo studio si propone di analizzare e confrontare le linee guida riguardanti la gestione della Recovery Room (RR) a livello internazionale, cogliendone le differenze più significative e le parti in comune. Mediante ricerca bibliografica sono state raccolte le linee guida sulla gestione della RR di varie nazioni, in particolare sono state messe a confronto quelle italiane, francesi, tedesche, australiane, canadesi e quelle degli USA. Inoltre è stata effettuata una verifica della gestione del paziente postoperato in alcuni Stati dove non sono state ancora pubblicate delle linee guida su tale argomento. In alcuni Paesi, quali la Francia, le linee guida sono state pubblicate come decreto ministeriale (Décret n° 94-1050 du Décembre 1994) e sono perciò una legge con i relativi articoli, in altri, quali l’Italia, queste sono delle raccomandazioni, non immediatamente realizzabili, ma da considerare come un traguardo da raggiungere, poiché la SIAARTI prende atto della disomogeneità della situazione ospedaliera italiana, sia dal punto di vista di personale medico-infermieristico, sia riguardo le strutture edilizie e tecnologiche. Il confronto tra le linee guida dei vari Paesi evidenzia che la RR è una realtà a livello internazionale consolidata ormai da molti anni e tutte concordano sul fatto che il paziente postoperato debba essere osservato in un ambiente protetto. Le regole comuni a tutte le linee guida sono: la responsabilità della RR e della dimissione del paziente è dell’Anestesista; indispensabile la presenza di una cartella clinica ed un rapporto scritto (eccetto l’Italia); l’adiacenza della RR al complesso operatorio; l’Anestesista accompagna il paziente in RR; la presenza del monitoraggio durante il trasporto; la continuità del monitoraggio in RR (ad intervalli appropriati e regolari). Le regole non comuni a tutte le linee guida sono: n. dei posti letto nella RR; rapporto n. di infermieri/n. di pazienti regolamento per la day-surgery; regolamento specifico per pazienti ostetriche. Come tutte le normative anche queste sono soggette a continui aggiornamenti, requisito fondamentale che contribuisce a mantenerle attuali ed al passo con la ricerca scientifica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail