Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2001 May;67(5) > Minerva Anestesiologica 2001 May;67(5):371-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 2001 May;67(5):371-80

lingua: Italiano

Anestesia per interventi di riduzione di volume polmonare o pneumoplastica

Della Rocca G., Pompei L., Coccia C., Costa M. G., Di Marco P., Di Giacomo T. *, Pietropaoli P.

Università degli Studi di Roma «La Sapienza» - Roma Azienda Ospedaliera Policlinico Umberto I Istituto di Anestesia e Rianimazione
*Cattedra di Chirurgia Toracica (Direttore: Prof. G. F. Coloni)


FULL TEXT  


Obiettivo. La chirurgia per riduzione di volume polmonare (LVRS) si è affermata come una nuova metodica palliativa per un sottogruppo di pazienti affetti da enfisema non-bolloso.
Metodi. Sono stati valutati 76 pazienti affetti da COPD: solo 24 hanno effettuato la LVRS. In tutti i pazienti è stato inserito un catetere peridurale toracico. Durante la fase monopolmonare (OLV), la ventilazione è stata impostata in modo da evitare «air trapping» e/o iperinflazioni dinamiche. L’ipercapnia permissiva è stata mantenuta per evitare iperinflazioni e mantenere immodificata l’emodinamica. Durante OLV la PaO2/FiO2 è stata di 148±80 mmHg, la PaCO2 di 53±11 mmHg, la mPA di 27±2 mmHg e lo Qsp/Qt di 38±6%. L’ipercapnia è stata ben tollerata nella fase intraoperatoria. In 5 pazienti con PaO2/FiO2 <60 mmHg è stata applicata una HFJV. 23 pazienti sono stati estubati con successo alla fine dell’intervento (PaO2/FiO2 179±34 mmHg, PaCO2 59±11 mmHg). Il paziente non estubato è deceduto per insufficienza respiratoria in 20° giornata; un secondo exitus è avvenuto per sepsi dopo 15 giorni. Per la valutazione del dolore è stata utilizzata la Scala Ordinale Verbale di Keele modificata ad 0, 12 e 24 ore. I pazienti hanno riferito un dolore mai superiore a 2. In conclusione, un’attenta condotta anestesiologica con accurato monitoraggio intraoperatorio a cui si associa una analgesia peridurale toracica, anche se si tratta di interventi effettuati in toracoscopia, è consigliata nei pazienti sottoposti a LVRS. I risultati a 12 mesi confermano la validità della procedura (FEV1 24±36%, FVC 53±70%, RV 265±199% e 6MWT 213±330 m).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail