Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2001 Maggio;67(5) > Minerva Anestesiologica 2001 Maggio;67(5):359-69

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 2001 Maggio;67(5):359-69

lingua: Italiano

Monitorizzazione della coagulazione in corso di trapianto di fegato. Validazione dell’analisi tromboelastografica «Sonoclot» attraverso le indagini di laboratorio

Bindi M. L., Biancofiore G. D., Consani G., Cellai F., Cecconi N. *, Romanelli A. ***, Filipponi F. **, Mosca F. **, Amorese G., Vagelli A.

Azienda Ospedaliera Pisana - P.O. di Cisanello, Pisa I U.O. Anestesia e Rianimazione - UTI Postchirurgica e Trapianti Università degli Studi - Pisa
*U.O. Ematologia
**U.O. Chirurgia e Trapianti
***Istituto di Fisiologia Clinica, CNR, Pisa


FULL TEXT  


Obiettivo. Scopo del lavoro è valutare, in corso di trapianto ortotopico di fegato (TOF), l’affidabilità del monitoraggio della coagulazione condotto mediante lo strumento Sonoclot (Sienco Inc., Morrison, USA) in relazione ai tests di laboratorio comunemente utilizzati.
Metodi. Disegno sperimentale: indagine comparativa tra dati di laboratorio ed analisi tromboelastografica mediante apparecchio Sonoclot. Ambiente: Centro Trapianti di un Ospedale di rilievo nazionale. Pazienti partecipanti: sono stati valutati 51 pazienti di entrambi i sessi sottoposti a TOF per patologia epatica terminale. Rilevamenti: nel corso delle tre fasi del trapianto epatico (pre-anepatica, anepatica e post-riperfusione) sono stati eseguiti campionamenti ematici contemporanei per la valutazione della funzione coagulativa sia attraverso i comuni tests di laboratorio (INR, aPTT, Fibrinogeno, PLT, D-Dimero) sia con lo strumento Sonoclot (SonACT, Rate, Time to Peack, Downward Deflection). I dati risultanti da tali analisi sono stati statisticamente raffrontati (test di Pearson e test del χ2 di Pearson e Fisher).
Risultati. La correlazione tra parametri Sonoclot e tests di laboratorio si è rivelata statisticamente significativa. Rispetto al laboratorio l’analisi tromboelastografica Sonoclot si è rivelata utile nell’identificare alcuni casi di deficit funzionale piastrinico nonché più sensibile nel segnalare la fibrinolisi.
Conclusioni. L’apparecchio tromboelastografico Sonoclot è uno strumento affidabile per l’esplorazione della coagulazione in corso di TOF.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail