Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2001 Marzo;67(3) > Minerva Anestesiologica 2001 Marzo;67(3):127-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORGINALI  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 2001 Marzo;67(3):127-32

lingua: Inglese

Applicazione di un bulbo autoespansibile ad un introduttore cavo.

Tuzzo D. M., Frova G.

From the I Servizio di Anestesia e Rianimazione Spedali Civili, Brescia


FULL TEXT  


Obiettivo. Il test di aspirazione, eseguito attraverso un bulbo autoespandibile (SIB), è un metodo semplice e affidabile per identificare una intubazione esofagea accidentale. L’obbiettivo dello studio, in caso di impiego di un introduttore cavo (HII), è stato quello di verificare la possibilità di applicare il test direttamente sull’introduttore e valutare l’efficacia del test nel permettere il riconoscimento della sua posizione.
Metodi. Disegno sperimentale: indagine prospettica, randomizzata. Ambiente: sale operatorie di un ospedale universitario. Pazienti: pazienti adulti senza evidenti patologie gastroesofagee e tracheobronchiali, candidati a chirurgia elettiva. Interventi: i pazienti sono stati randomizzati in due gruppi T (HII posizionato in trachea) e E (HII posizionato in esofago). Dopo l’induzione della narcosi, l’HII è stato posizionato o in trachea o in esofago. Un secondo anestesista in cieco ha connesso il SIB all’HII e ha eseguito due volte il test. Rilevamenti: in base all’osservazione o meno della riespansione del SIB, il secondo anestesista, ha espresso il suo giudizio sulla posizione dell’HII.
Risultati. Sono stati studiati 100 pazienti. Nei pazienti del gruppo E non è stata mai osservata una immediata e completa riespansione del SIB. Nel 3,5% dei casi del gruppo T si è osservata una assente o incompleta riespansione del bulbo che ha indotto l’anestesista a giudicare erroneamente la posizione dell’HII.
Conclusioni. Il test di aspirazione con il SIB permette l’identificazione del posizionamento dell’introduttore in esofago. Quando usato in associazione all’HII può consentire il risparmio di tempo e la riduzione del traumatismo locale correlati con un’accidentale intubazione esofagea sulla guida dell’introduttore.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail