Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 October;66(10) > Minerva Anestesiologica 2000 October;66(10):697-712

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

REVIEWS  RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA


Minerva Anestesiologica 2000 October;66(10):697-712

lingua: Italiano

La ventilazione meccanica non invasiva a pressione positiva nell’insufficienza respiratoria acuta

Scala R.

ASL n. 8 - Arezzo U.O. di Pneumologia


FULL TEXT  


Nota da più di due secoli, la ventilazione meccanica non invasiva a pressione positiva (VMNPP) ha trovato diffusa applicazione clinica nell’insufficienza respiratoria acuta (IRA) solo nell’ultimo decennio. La possibilità di migliorare gli scambi gassosi ovviando all’intubazione endotracheale (IE) e alle sue complicazioni rappresenta l’elemento più attraente della VMNPP sia nelle unità di terapia intensiva (generale e respiratoria) sia nei reparti di Pneumologia. Le caratteristiche della VMNPP (interfaccia, ventilatore e modalità ventilatoria), l’«ambiente» in cui viene applicata, la severità dell’IRA, la patologia sottostante e l’esperienza del team costituiscono fattori cruciali nel determinare l’outcome. L’aggiunta della VMNPP alla terapia medica convenzionale riduce la necessità di IE, la mortalità e la degenza in una popolazione selezionata di BPCO in IRA. Non esistendo al momento dati di confronto tra ventilazione meccanica invasiva (VMI) e non invasiva, la VMNPP deve essere considerata una tecnica non alternativa ma in grado di evitare l’IE nella BPCO; in caso di fallimento, la VMNPP può essere impiegata efficacemente nel weaning dalla VMI. Nell’IRA da patologie diverse dalla BPCO, la VMNPP non sembra essere più vantaggiosa rispetto alla sola terapia standard nell’ovviare all’IE ma può garantire un supporto ventilatorio efficace e con meno complicazioni della VMI. L’edema polmonare acuto cardiogenico e le patologie «terminali» rappresentano alcuni tra i più promettenti campi di applicazione nei non-BPCO. In questa Rassegna vengono esaminate la nascita, la tecnica, i vantaggi, i limiti, le indicazioni, il nursing e i costi della VMNPP nell’IRA alla luce dei più recenti dati della letteratura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail