Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 July-August;66(7-8) > Minerva Anestesiologica 2000 July-August;66(7-8):541-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA


Minerva Anestesiologica 2000 July-August;66(7-8):541-7

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Valutazione del livello/complessità della cura ed adeguatezza dell’uso delle risorse nelle Unità di Terapia Intensiva.

Iapichino G., Pezzi A., Minelli C., Radrizzani D., Barberis B., Belloni G., Bianchi P.


FULL TEXT  


Obiettivo. In tutto il mondo, il costo della terapia intensiva sta aumentando in misura maggiore del costo sanitario complessivo. Quindi, è indispensabile una particolare attenzione per migliorare l’utilizzazione delle risorse nelle ICU. Lo scopo di questo studio è di sviluppare un mezzo semplice ed affidabile per la valutazione dell’adeguatezza dell’utilizzazione delle risorse in terapia intensiva.
Metodi. Disegno: È stata effettuata una raccolta dati ripetuta e trasversale due volte la settimana (martedì e venerdì) per il periodo dello studio (61 giorni). Ambiente: 23 Unità di terapia Intensiva in Italia. Pazienti: Tutti i pazienti presenti nelle 23 Unità nei 17 giorni prestabiliti (martedì e venerdì). Interventi: In ogni giorno prestabilito, i pazienti sono stati controllati per la somministrazione della ventilazione/ CPAP, per il monitoraggio della pressione arteriosa, della pressione intracranica, per l’infusione di farmaci vasoattivi ed emodialisi-ultrafiltrazione. Simul-taneamente, ogno Unità è stata valutata in base alle sue attrezzature tecniche ed al personale allo scopo di determinare il livello di cura.
Risultati. Sono stati studiati complessivamente 1250 pazienti, per un totale di 7533 pazienti/giorni. Il tasso di occupazione per ICU era dell’83% (range: dal 54,4% al 96,1%). L’elevato tasso di occupazione (percentuale di pazienti che richiedono un eevato livello di cura e che occupano posti letto) era del 69,4% (range: dal 25% al 149%), mentre il corrispondente basso tasso di occupazione era del 101,1% (range: dal 31,3% al 329,4%).
Conclusioni. Il nostro modello ha chiaramente dimostrato un certo grado di ideguatezza nell’utilizzo delle risorse nelle ICU. La maggior parte delle ICU (69,9%) ha usato una grossa proporzione dei posti letto per pazienti che non necessitavano di un elevato livello di cura. Essendo molto semplice, il nostro metodo potrebbe rappresentare un utile strumento per la valutazione continua dell’utilizzazione delle rosirse nelle ICU.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail