Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 July-August;66(7-8) > Minerva Anestesiologica 2000 July-August;66(7-8):531-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 2000 July-August;66(7-8):531-7

lingua: Inglese

Il propofol alla concentrazione dell’1% o del 2% è ugualmente efficace e ben tollerato nelle anestesie in pazienti sottoposti a craniotomia d’ elezione in neurochirurgia

Zattoni J. 1, Rossi A. 1, Cella F. 1, Ori C. 2, Facco E. 2, Giron G. P. 2, Stocchetti N. 3, Chieregato A. 4, Serioli T. 3, Zuccoli P. 3, Parma A. 5, Trazzi R. 5

From the Department of Anaesthesia and Intensive Care
1 University of Genova
2 University of Padova
3 Ospedali Riuniti, Parma
4 Ospedale Bufalini, Cesena
5 University of Milan


FULL TEXT  


Obiettivo. La formulazione al 2% dell’anestetico endovenoso propofol (Diprivan™), fornisce al paziente la metà del carico lipidico rispetto alla formulazione originale all’1%. Tale formulazione potrebbe risultare una soddisfacente scelta alternativa per quei pazienti che presentano un alterato metabolismo dei lipidi.
Metodi. Il presente studio multicentrico, randomizzato in aperto ha messo a confronto due gruppi paralleli. Settantatrè pazienti sottoposti a neurochirurgia elettiva per craniotomia sono stati randomizzati al trattamento con propofol 1% (10 mg/ml) o con propofol 2% (20 mg/ml) per l’induzione e il mantenimento dell’anestesia.
Risultati. L’analisi del tempo di induzione (199 s, 1%; 202 s, 2%; p>0,05) e della dose di induzione (1,13 mg/kg, 1,12 mg/kg; p>0,05) mostra che propofol 1% e propofol 2% sono equivalenti dal punto di vista farmacodinamico. Entrambe le formulazioni sono risultate simili per quanto riguarda la velocità complessiva di somministrazione, i tempi di risveglio, le variabili emodinamiche e la tollerabilità. I livelli plasmatici dei trigliceridi sono risultati inferiori nel gruppo propofol 2% rispetto al gruppo propofol 1% , e significativamente inferiori (p<0,05) tra 1 e 4 ore dopo l’induzione.
Conclusioni. Propofol 2% è risultato efficace e ben tollerato quanto propofol 1% per l’anestesia e rappresenta una valida alternativa al propofol 1% nei pazienti sottoposti a craniotomia elettiva in neurochirurgia. Il carico lipidico inferiore suggerisce che tale formulazione può essere particolarmente indicata nei pazienti con disfunzioni a carico del metabolismo lipidico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail