Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 May;66(5) > Minerva Anestesiologica 2000 May;66(5):285-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

MEDICINA PERIOPERATORIA  FREEfree


Minerva Anestesiologica 2000 May;66(5):285-7

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Perioperative optimisation of fluid management improves outcome

Woods I.

Intensive Care Unit York District - General Hospital - York (UK)


FULL TEXT  


La mortalità peri-operatoria in pazienti ad alto rischio chirurgico é del 10% e sale al 20% se si considerano gli interventi in emergenza. Uno dei fattori più importanti che condizionano la sopravvivenza dei pazienti é la perfusione dei tessuti. Il meccanismo patogenetico, sia esso vascolare o cardiaco, è correlato ad una ipoperfusione che genera una sindrome da insufficienza multi-organo.
Una recente meta-analisi ha dimostrato come maggiore sia la gravità del paziente operando maggiore è il beneficio che ne trae da un corretto trattamento dei liquidi. Una tecnica che misuri direttamente i parametri circolatori analizzandoli sino nelle componenti più distrettuali e che possa essere utilizzata anche da personale non medico ed in ambiente ospedaliero non protetto, ancora non esiste.
Attualmente vengono utilizzati la pressione arteriosa e la cateterizzazione dell’arteria polmonare con misura continua della gittata.
Obiettivo di questo studio é quello di valutare le strategie volte a migliorare la perfusione tissutale ottimizzando il trattamento dei liquidi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail