Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 Marzo;66(3) > Minerva Anestesiologica 2000 Marzo;66(3):157-61

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036

 

ARTICOLI ORIGINALI  TERAPIA ANTALGICA


Minerva Anestesiologica 2000 Marzo;66(3):157-61

lingua: Italiano

La predittività del test con lidocaina nel trattamento del dolore neuropatico

Trentin L., Visentin M.

Ospedale «S. Bortolo» di Vicenza - ASL 6 Veneto Servizio di Terapia del Dolore e Cure Palliative


FULL TEXT  ESTRATTI


Obiettivo. L’infusione endovenosa di lidocaina può essere un criterio di predittività della successiva azione analgesica dei farmaci adiuvanti (antidepressivi, bloccanti il canale del sodio, del calcio ed anticonvulsivanti). L’obiettivo dello studio è la valutazione della correlazione tra la risposta al test e l’efficacia della conseguente terapia farmacologica per os.
Metodi. Abbiamo controllato retrospettivamente 183 pazienti affetti da sindromi dolorose neuropatiche, centrali e periferiche, trattati presso il day hospital del nostro Servizio, nel biennio 1996-1997. Lo studio prevede:
— la rilevazione di una VAS ≥ 5;
— l’infusione continua di lidocaina ev, alla dose di 4 mg pro kg, in soluzione salina isotonica;
— la rilevazione dei valori della VAS all’inizio (VAS 0), ogni 5’ ed al termine dell’infusione (VAS 1);
— di considerare positivo il risultato dell’infusione nel caso in cui il «pain relief» ottenuto fosse ≥ 50%;
— l’attribuzione casuale, indipendentemente dal risultato del test, ad un diverso trattamento farmacologico di mantenimento;
— la registrazione della VAS dopo 1 mese di tale trattamento farmacologico (VAS 2).
Risultati. Il 90% (85) dei pazienti con test positivo alla lidocaina hanno ottenuto un «pain relief» con la terapia per os e l’85% (71) con risposta negativa al test non hanno avuto alcun miglioramento sul dolore.
Conclusioni. In accordo con altri Autori abbiamo rilevato la presenza di una correlazione statisticamente significativa tra la risposta al test e l’effetto terapeutico degli analgesici adiuvanti e quindi l’opportunità dell’inserimento della tecnica nei protocolli di routine per la predittività della risposta terapeutica nel dolore neuropatico.

inizio pagina