Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 Gennaio-Febbraio;66(1-2) > Minerva Anestesiologica 2000 Gennaio-Febbraio;66(1-2):45-53

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036

 

REVIEW  RIANIMAZIONE


Minerva Anestesiologica 2000 Gennaio-Febbraio;66(1-2):45-53

lingua: Inglese

La defibrillazione ventricolare con onda bifasica. Una review

Di Massa A. *, Scardigli M., Bruni L., Valentino L.

From the Sezione Terapia del Dolore
*Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche Istituto di Anestesiologia e Rianimazione Università degli Studi - Siena


FULL TEXT  ESTRATTI


La fibrillazione ventricolare è la principale causa di morte cardiaca improvvisa. La defibrillazione elettrica è spesso l’unico trattamento efficace e parametri elettrici dell’onda di defibrillazione sono un fattore molto importante che condiziona il successo del trattamento. Attualmente l’onda monofasica è largamente impiegata in Europa e negli Stati Uniti, ma, di recente, la Food and Drug Administration ha autorizzato l’uso di un defibrillatore automatico esterno (AED) che produce shocks bifasici. In questa review discutiamo circa l’efficacia e la sicurezza dell’onda bifasica, esaminando vari studi condotti sull’uomo tra il 1982 e il 1999. I dati disponibili sono spesso incompleti, poco chiari, disomogenei e, di conseguenza, difficilmente confrontabili tra di loro. Inoltre, tra gli Autori, non c’e accordo sul significato di «sicurezza», «efficacia», «successo», «equivalenza» e «superiorità» dell’onda bifasica rispetto alla monofasica; comunque l’onda bifasica, che si avvale di livelli di energia più bassi, sembra ridurre i danni cardiaci post-defibrillazione. A causa della mancanza di studi omogenei non è possibile stabilire quale tipo di segnale sia più attendibile, anche se alcuni studi clinici e dati sperimentali sembrano attribuire all’onda bifasica una maggiore sicurezza ed efficacia terapeutica. L’esame della letteratura scientifica suggerisce l’utilità di ulteriori studi al fine di convalidare definitivamente l’uso dell’onda bifasica.

inizio pagina