Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 Gennaio-Febbraio;66(1-2) > Minerva Anestesiologica 2000 Gennaio-Febbraio;66(1-2):25-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 2000 Gennaio-Febbraio;66(1-2):25-32

lingua: Italiano

Risveglio e decorso postoperatorio dopo anestesia con sevoflurano versus anestesia con propofol

Falsini S. *, Girardi G. *, Melani A. M. *, Novelli G. P. *

*Istituto di Anestesia e Rianimazione dell’Università degli Studi di Firenze (Direttore: Prof. G.P. Novelli)


FULL TEXT  


Obiettivo. Confrontare il periodo postoperatorio immediato, con particolare riguardo alle eventuali complicanze in fase di risveglio, ai parametri di recupero, agli analgesici somministrati ed alle modificazioni degli esami di laboratorio in 80 pazienti classe ASA I e II, sottoposti ad anestesia con sevoflurano o con propofol per interventi chirurgici extracavitari d’elezione. Disegno sperimentale: indagine clinica prospettica e randomizzata.
Metodi. I pazienti sono stati suddivisi a random in due gruppi: un gruppo ha ricevuto tiopentone per l’induzione e sevoflurano per il mantenimento; l’altro gruppo ha ricevuto propofol sia per l’induzione che per il mantenimento. A tutti i pazienti sono stati somministrati vecuronio per la miorisoluzione e fentanile secondo le necessità. Alla fine dell’intervento sono state registrate le complicanze all’emergenza, i parametri di recupero postoperatori, i tempi di dimissibilità dalla sala di risveglio, l’eventuale somministrazione di analgesici e l’ora di richiesta, l’ora della ripresa della deambulazione e le eventuali modifiche degli esami di laboratorio, con particolare riguardo alla funzionalità epatica e renale.
Risultati. Nel gruppo anestetizzato con sevoflurano sono stati significativamente più rapidi i tempi di dimissione dalla sala di risveglio. In entrambi i gruppi un aumento della bilirubinemia totale si è registrato fino a 72 ore dopo la fine dell’anestesia.
Conclusioni. Non sono emerse sostanziali differenze significative nell’incidenza di complicanze postoperatorie e nella modifica di parametri di laboratorio nei due tipi di anestesia considerati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail