Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 November;65(11) > Minerva Anestesiologica 1999 November;65(11):811-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

CASI CLINICI  FREEfree


Minerva Anestesiologica 1999 November;65(11):811-3

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Sindrome gyromitriana da Spugnola falsa

Bianchi A., Cavallo R., Imeneo M. R., Manno E., Riva M., Vacca R.

Azienda Ospedaliera S. Giovanni Battista - Torino, Dipartimento di Discipline Medico-Chirurgiche, II Servizio Universitario di Anestesia e Rianimazione


FULL TEXT  


Riportiamo tre casi di avvelenamento da Spugnola falsa, un fungo del genere gyromitra la cui assunzione determina una coorte sintomatologica denominata sindrome gyromitriana, a causa della presenza di una tossina termolabile (emolisina). I pazienti, due femmine ed un maschio, dopo l’ingestione manifestarono sintomi simili a quelli dell’intossicazione da Amanita phalloides (turbe gastroenteriche, diarrea) e in seguito alterazioni a carico del sistema nervoso centrale, che li portarono al ricovero ospedaliero. Tali alterazioni neurologiche furono dovute al contenuto di monometilidrazina nei funghi ingeriti, che è riconosciuto essere un antagonista della piridossina. Fortunatamente i pazienti non presentarono sintomi emolitici e furono dimessi alcuni giorni dopo senza alcun reliquato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail