Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9) > Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9):659-63

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva

Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036

Periodicità: Mensile

ISSN 0375-9393

Online ISSN 1827-1596

 

Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9):659-63

 CASI CLINICI

Reazione anafilattica al tiopentale. Un caso documentato dalla positività della triptasi sierica e del RAST

Lorenzi P. 1, Filoni M. 1, Manetta G. 1, Bonechi M. L. 2, Salvati G. 3, Tanini A. 3

1 Università degli Studi - Firenze, Dipartimento di Fisiopatologia Clinica, Sezione di Anestesia e Rianimazione;
2 Università degli Studi - Firenze, Istituto di Anestesiologia e Rianimazione;
3 Università degli Studi - Firenze, Istituto di Medicina Interna e Immunoallergologi

In corso di anestesia generale possono manifestarsi reazioni avverse di cui non può esssere esclusa l’origine allergica. In questi casi è necessario porre una diagnosi differenziale da altri eventi che possono presentare, sotto alcuni aspetti, un quadro sintomatologico sovrapponibile. A questo scopo una indagine di laboratorio particolarmente affidabile è rappresentata dal dosaggio della triptasi sierica, quale espressione della degranulazione mastocitaria, soprattutto se effettuato su diversi campionamenti ematici prelevati in tempi successivi, in modo da metterne in evidenza la progressiva riduzione dei valori. Se è confermata una origine anafilattica, per la sicurezza del paziente nell’eventualità di un ulteriore intervento anestesiologico, deve essere individuato anche l’agente responsabile.
È stata osservata una reazione grave e protratta, manifestatasi dopo l’induzione dell’anestesia, in cui la determinazione della triptasi sierica ha mostrato elevati valori di questa proteasi 2 ore dopo la reazione, seguiti da un decremento nei campioni prelevati successivamente, suggerendo pertanto un meccanismo patogenetico di tipo anafilattoide. La ricerca delle IgE specifiche nei confronti delle sostanze utilizzate ha escluso un ruolo dei miorilassanti, dell’espansore plasmatico e del lattice, mentre ha presentato valori positivi per il tiopentale, facendo ipotizzare che nel caso riferito si sia trattato di una vera reazione anafilattica a questo ipnotico.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina