Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9) > Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9):637-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA


Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9):637-9

lingua: Inglese

Valutazione ­dell’utilità dei ­test sie­ro­log­i­ci nel­la diag­no­si di sep­si da Candida

Pallavicini F. 1, Izzi I. 1, Pennisi M. A. 2, Morace G. 3, Portaccio G. G. 1, Bello G. 2, Iodice F. 2, Godino D. 2, Del Borgo C. 1, Proietti R. 2

1 Istituto di Clinica ­delle Malattie Infettive, Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma;
2 Istituto di Anestesiologia e Rianimazione, Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma;
3 Istituto di Microbiologia, Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma


FULL TEXT  


Obiettivo. Nel cor­so ­degli ulti­mi ­anni ­l’incidenza e la pre­va­len­za ­delle sep­si da Candida nei pazien­ti crit­i­ci non immu­no­com­pro­mes­si ha subìto un note­vole incre­men­to. Obiettivo di ques­to stu­dio è quel­lo di val­u­tare ­l’utilità dei ­test sie­ro­log­i­ci (dop­pia immu­no­dif­fu­sione e Cand-Tec ­test) nel­la diag­no­si del­la sep­si da Candida.
Metodi. È sta­to con­dot­to uno stu­dio ret­ro­spet­ti­vo su 214 pazien­ti ricov­e­ra­ti nel Reparto di Rianimazione del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma in un peri­odo di tem­po di 42 ­mesi. Per la ricer­ca anti­cor­pale è sta­ta uti­liz­za­ta la tec­ni­ca del­la dop­pia immu­no­dif­fu­sione, men­tre il Cand-Tec ­latex agglu­ti­na­tion ­test è sta­to impie­ga­to per val­u­tare la pre­sen­za ­dell’antigene. Sono sta­ti effet­tu­a­ti 455 esa­mi per la deter­mi­naz­i­one ­degli anti­ge­ni e ­degli anti­cor­pi.
Risultati. In 36 pazien­ti (16.8%) è sta­ta diag­nos­ti­ca­to un epi­so­dio di can­di­do­si sis­tem­i­ca. La ­sensibilità e spec­i­fic­ità del ­test per anti­cor­pi è sta­ta di 29 e 67, ris­pet­tiv­a­mente; il ­valore pre­dit­ti­vo pos­i­ti­vo 15 ed il ­valore pre­dit­ti­vo neg­a­ti­vo 82. La ­sensibilità e ­specificità del ­test per ­l’antigene è vari­a­ta tra 82 e 3 e tra 8 e 98, ris­pet­tiv­a­mente, sec­on­do il diver­so cut-off con­sid­e­ra­to; il ­valore pre­dit­ti­vo pos­i­ti­vo è sta­to bas­so (13-17%) ed il ­valore pre­dit­ti­vo neg­a­ti­vo è sce­so da 70 a 29.
Conclusioni. L’utilità dei ­test sie­ro­log­i­ci nel­la dia-g­no­si di sep­si da can­di­da è estrem­a­mente limit­a­ta. Il ­gold stan­dard per la deter­mi­naz­i­one del­la sep­si da Candida ­rimane il ris­con­tro del micror­ga­nis­mo nel ­sangue o nei tes­su­ti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail