Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9) > Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9):617-23

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 1999 Settembre;65(9):617-23

lingua: Inglese

Modificazioni emodinamiche durante anestesia in posizione genupettorale

Galimberti G. 1, Berlot G. 1, Muchada R. 2, Gullo A. 1

1 Istituto Polidisciplinare di Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica, Ospedale di Cattinara - Trieste (Italia);
2 Department d’Anesthesie et Reanimation, Clinique Mutualiste E. André - Lyon (France)


FULL TEXT  


Obiettivo. Valutare le alterazioni emodinamiche occorrenti con e senza infusione di dobutamina durante interventi chirurgici eseguiti nella posizione genupettorale.
Metodi. Disegno sperimentale: valutazione prospettica della misurazione del flusso aortico e di altre variabili cardiovascolari registrate con ecografia Doppler trans esofagea in 2 gruppi di pazienti senza precedenti cardiaci da sottoporre a discectomia lombare. Ambiente: sala operatoria di un reparto di neurochirurgia. Oltre alla ecografia Doppler transesofagea, il monitoraggio standard prevedeva la registrazione continua dell'ECG, della pressione arteriosa con tecnica non invasiva, della capnometria e della pulsossimetria. Pazienti: sono stati arruolati 24 pazienti appartenenti alla classe ASA 1. In 12 pazienti (Gruppo A) non è stato fatto impiego di dobutamina. Negli altri 12 pazienti (Gruppo B) la dobutamina (2,5-3 mcg/kg/min) è stata infusa fin dall'inizio dell'intervento. I due gruppi non differivano in termini di tecnica di anestesia impiegata, età, parametri emodinamici iniziali e durata dell'intervento. Le misurazioni sono state effettuate all'inizio dell'intervento con il paziente supino (T1), durante la posizione genupettorale (T2) e con il paziente supino ma ancora anestettizzato alla fine dell'intervento.
Risultati. I pazienti di entrambi i gruppi hanno presentato una significativa riduzione del flusso aortico; del volume sistolico e della ETCO2 durante la posizione genupettorale, in associazione ad un aumento delle resistenze vascolari periferiche; i parametri emodinamici considerati erano significativamente migliori nel Gruppo B.
Conclusioni. Nei pazienti studiati, la somministrazione perioperatoria di dobutamina si è associata ad un miglioramento delle condizioni emodinamiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail