Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 September;65(9) > Minerva Anestesiologica 1999 September;65(9):611-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIAFREEfree


Minerva Anestesiologica 1999 September;65(9):611-5

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Anestesia generale con remifentanil in un caso di «Sleep Apnoea Syndrome»

Gallo F., Baratto F., Munari M., Volpin S. M., Facco E.

Università degli Studi - Padova, Istituto di Anestesiologia e Rianimazione


FULL TEXT  


Gli Autori descrivono il caso clinico di un paziente affetto da «Central Sleep Apnoea» (CSA) sottoposto ad intervento neurochirurgico di derivazione ventricolo-peritoneale in anestesia generale. Dato il rischio di ipoventilazione postoperatoria che la CSA comporta, per l’analgesia intraoperatoria è stato impiegato il remifentanil, oppioide con emivita plasmatica inferiore a 5 minuti. Per l’induzione è stato impiegato il propofol (2 mg/kg) ed il remifentanil al dosaggio di 0,5 μg/kg. Il paziente è stato curarizzato con vecuronio bromuro, intubato e ventilato con una miscela di O2/N2O. Durante l’intervento il remifentanil è stato somministrato in infusione continua al dosaggio iniziale di 0,2 μg/kg/min successivamente modificato in base alle variazioni della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca. Al termine dell’intervento chirurgico, durato circa 120’, si è proceduto alla decurarizzazione con prostigmina, sospesa l’infusione di remifentanil e l’erogazione di N2O e si sono registrati i tempi di risveglio. Il paziente è stato estubato dopo 8’e 30” dalla sospensione del remifentanil. Si è provveduto al monitoraggio postoperatorio della SpO2 per circa 1 ora ed al controllo dei valori emogasanalitici che sono risultati entrambi soddisfacenti. Durante il decorso postoperatorio non si sono verificati episodi di ipoventilazione ed il paziente è stato dimesso dall’ospedale dopo 7 giorni. Gli Autori ritengono che il remifentanil possa essere il farmaco di scelta per garantire l’analgesia intraoperatoria in pazienti affetti da CSA da sottoporre ad anestesia generale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail