Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 Giugno;65(6) > Minerva Anestesiologica 1999 Giugno;65(6):353-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

EMERGENZA  


Minerva Anestesiologica 1999 Giugno;65(6):353-6

lingua: Italiano

Trauma cranico e politrauma: dalla strada alla sala operatoria

Stocchetti N., Longhi L., Magnoni S., Rossi S., Rotelli S.

Ospedale Maggiore Policlinico IRCCS - Milano, Terapia Intensiva Neuroscienze, Servizio di Anestesia e Rianimazione


FULL TEXT  


Il trauma cranico, puro o associato a lesioni extracerebrali, minaccia la sopravvivenza e la funzionalità cerebrale dei pazienti a causa di lesioni espansive che richiedono trattamento chirurgico e di insulti sistemici che richiedono adeguato trattamento medico. La fisiopatologia del danno post-traumatico indica il ruolo chiave della perfusione e del trasporto di ossigeno all’encefalo. Un semplice algoritmo di comportamento può essere utile per esemplificare le priorità di diagnosi e trattamento.
Il successo del trattamento, infatti, dipende dall’individuazione delle indicazioni chirurgiche e da un trattamento medico capace di evitare insulti sistemici sovrapposti al trauma iniziale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail