Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5) > Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5):247-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

SEZIONE V
OUTOCOME, COMPLICAZIONI, PREVENZIONE, VALUTAZIONE, PROSPETTIVE  ATTI DELLA VIDEOCONFERENZA - 5 ottobre 1996
EMORRAGIA SUBARACNOIDEA: UN APPROCCIO PLURISPECIALISTICO - II
FREEfree


Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5):247-9

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Compiti assistenziali e preventivi del nursing nell’ESA

De Bellis P., Traverso F., Zattoni P. L.

Ente Ospedaliero Ospedale Galliera - Genova, Servizio di Assistenza e Rianimazione


FULL TEXT  


Il malato affetto da ESA necessita di una assistenza infermieristica specializzata. Alcune funzioni da controllare richiedono sperimentata esperienza clinica e anche l’uso di monitoraggi finalizzati. Per la profilassi infettiva, definite e differenziate misure devono essere applicate ai dispositivi tecnici invasivi (specialmente di misurazione di PIC e PPC), all’igiene del malato e all’ambiente. Ogni atto assistenziale notoriamente responsabile di incrementi PIC (bronco-aspirazione, medicazioni dolorose, ecc.) deve essere effettuato con un background farmacologico protettivo. Un personale infermieristico dedicato e preparato professionalmente contribuisce in modo determinante a migliorare l’outcome.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail