Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1998 Maggio;64(5) > Minerva Anestesiologica 1998 Maggio;64(5):231-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

SEZIONE IV
MONITORAGGIO, NEURORIANIMAZIONE, TERAPIA DEL VASOSPASMO, OMEOSTASI SISTEMICA  IVth SECTION
MONITORING, NEURORIANIMATION, SYSTEMIC HOMEOSTASIS, VASOSPASM TREATMENTS


Minerva Anestesiologica 1998 Maggio;64(5):231-3

lingua: Italiano

ESA e cuore

Martorano P. P. 1, Bini G. 1, Tanara L. 1, Sinkovets L. 1, Pelaia P. 1, Pietropaoli P. 2

1 Università degli Studi - Ancona, Istituto delle Emergenze Medico-Chirurgiche;
2 Università degli Studi «La Sapienza» - Roma, Istituto di Anestesiologia e Rianimazione


FULL TEXT  


Alterazioni elettrocardiografiche sono state riportate in pazienti con emorragia subaracnoidea (ESA), in percentuali variabili dal 2 al 91%. Le anomalie più frequenti sono: inversione dell’onda T, sopra o sottoslivellamento del tratto ST, prolungamento del QT, onda U, flutter o fibrillazione atriale, fibrillazione ventricolare, tachicardia sopraventricolare, extrasistoli atriali o ventricolari. Queste aritmie compaiono nelle prime 48 h dall’esordio dell'ESA, generalmente con carattere benigno e transitorio. In una piccola percentuale di casi, le modificazioni ECG si accompagnano a discinesie ventricolari, spasmi coronarici o necrosi subendocardica. Le ipotesi eziopatogenetiche si rifanno ad un ipertono simpatico generalizzato conseguente l’ESA, con attivazione della componente simpatica miocardica, o alla lesione di aree cerebrali potenzialmente aritmogene. L’importanza delle alterazioni ECG nei confronti della mortalità e morbilità dei pazienti con ESA non è ancora stata chiarita; comunque un monitoraggio attento è consigliato, sia al fine di prevenire complicanze miocardiche, sia per una ulteriore indiretta valutazione della patologia neurologica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail