Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5) > Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5):225-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

SEZIONE IV
MONITORAGGIO, NEURORIANIMAZIONE, TERAPIA DEL VASOSPASMO, OMEOSTASI SISTEMICA  IVth SECTION
MONITORING, NEURORIANIMATION, SYSTEMIC HOMEOSTASIS, VASOSPASM TREATMENTS


Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5):225-7

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Indicazione al trattamento medico con steroidi e lazzaroidi nel paziente con ESA

Tommasino C. 1, Picozzi P. 2

1 Istituto Scientifico Ospedale H S. Raffaele - Milano, Istituto di Anestesiologia e Rianimazione;
2 USSL n. 34 - Legnano (Milano), Dipartimento di Neurochirurgia


FULL TEXT  


Il tirilazad mesilato, un nuovo 21-aminosteroide privo di attività glucocorticoide, è stato valutato in due studi clinici multicentrici, randomizzati, in doppio cieco, controllati versus placebo condotti uno in Europa, Australia e Nuova Zelanda ed uno in Nord America. Il primo studio, che ha reclutato 1023 pazienti con emorragia subaracnoidea da aneurisma sacculare, ha riportato una riduzione significativa della mortalità dal 27% al 3% (p=0,01) in pazienti di sesso maschile trattati con 6 mg/kg/die di tirilazad per un periodo di 10 giorni. Lo studio ha anche riportato una minore incidenza di vasospasmo clinico ed una significativa riduzione della necessità di utilizzare la terapia ipertensione-ipervolemia-emodiluizione. La notevole riduzione della mortalità, comunque, si è verificata solo nel sesso maschile. Questo studio multicentrico suggerisce che il tirilazad, alla dose di 6 mg/kg/die, migliora notevolmente la mortalità e l’outcome neurologico valutato a 3 mesi dall’emorragia subaracnoidea. I risultati dello studio multicentrico in Nord America e sulla valutazione di dosi maggiori nel sesso femminile saranno disponibili in tempi brevi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail