Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1998 Maggio;64(5) > Minerva Anestesiologica 1998 Maggio;64(5):203-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036

 

Minerva Anestesiologica 1998 Maggio;64(5):203-6

ATTI DELLA VIDEOCONFERENZA - 5 ottobre 1996
EMORRAGIA SUBARACNOIDEA: UN APPROCCIO PLURISPECIALISTICO - II 

 SEZIONE IV
MONITORAGGIO, NEURORIANIMAZIONE, TERAPIA DEL VASOSPASMO, OMEOSTASI SISTEMICA

Uso del TCD nel trattamento intensivo e nella identificazione delle complicanze dell’ESA

Cabrini G. P.

Ospedale Maggiore Policlinico, IRCCS - Milano, Istituto di Neurochirurgia

Il Doppler transcranico è tuttora l’unica indagine che permette di monitorare l’evoluzione del vasospasmo cerebrale post-ESA in modo non invasivo, al letto del paziente. L’ottima risoluzione temporale di questa tecnica rende possibile seguire le rapide variazioni della velocità di flusso delle arterie endocraniche, e valutare la riserva vasomotoria e la capacità di autoregolazione cerebrale. I risultati del Doppler transcranico nella quantificazione del vasospasmo cerebrale sono sovrapponibili a quelli ottenuti con l’angiografia; non in tutti i casi esiste una stretta correlazione tra i dati velocimetrici e il decorso clinico, e questa discrepanza si potrebbe spiegare col fatto che i dati del Doppler transcranico esprimono la velocità di flusso e non il flusso delle arterie endocraniche.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina