Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1998 Marzo;64(3) > Minerva Anestesiologica 1998 Marzo;64(3):83-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA


Minerva Anestesiologica 1998 Marzo;64(3):83-7

lingua: Inglese

CVVH nel post­op­er­at­orio del trap­i­anto di ­fegato

Fiore G., Donadio P. P., Gianferrari P., Santacroce C., Guermani A.

Azienda Osped­a­liera San Gio­vanni Bat­tista, Sede Molinette - ­Torino, III Anes­tesia e Rian­i­maz­ione Osped­a­liera


FULL TEXT  


Obiet­tivo. Val­u­tare la ­CVVH (emo­fil­traz­ione con­tinua ­veno-­venosa) ­come trat­ta­mento ­dell’insufficien-za ­renale ­acuta nel post­op­er­at­orio dei trap­i­anti di ­fegato.
Dis­egno sper­i­men­tale. ­Studio ret­ro­spet­tivo.
­Ambiente. ­Terapia Inten­siva Poliv­a­lente.
­Pazienti. Nel 1995 ­sono ­stati effet­tuati ­presso il ­nostro ­centro 86 trap­i­anti di ­fegato (OLT); di ­questi 11 ­sono ­stati sot­to­posti a ­CVVH per insuf­fi­cienza ­renale ­acuta. ­Nello ­stesso ­periodo ­sono ­stati ­ammessi ­nella ­stessa TI 237 ­pazienti, di cui 20 ­sono ­stati sot­to­posti a ­CVVH per insuf­fi­cienza ­renale ­acuta.
Inter­venti. La ­CVVH è ­stata effet­tuata ­senza epa­rina, con sis­tema a ­pompa per­i­stal­tica, con emo­filtri in poli­a­mide o pol­i­sul­fone di 0,6 mq di super­ficie, un ­flusso ­ematico di 150-200 ml/min, un ultra­fil­trato di 1000-1200 ml/h, una clear­ance di 16-20 ml/min.
Rilev­a­menti. Monit­o­raggio dei par­a­metri emo­coa­gu­la­tivi (PT ­come INR, PTT, fibrin­o­geno, anti­trom­bina III, d-­dimero, ­conta pias­trinica) effet­tuato 3 ­volte al ­giorno o ­alla var­i­az­ione del ­quadro ­clinico.
Risul­tati. Il ­SOFA (­Sepsis-­related ­Organ ­Failure Assess­ment) ­score non ha mos­trato diffe­renze signi-f­i­ca­tive tra i due ­gruppi. La ­mortalità è ­stata mag­giore nei ­pazienti trat­tati con ­CVVH. La ­CVVH è ­stata effet­tuata per 16-18 h/die per 9,90±2,33 ­giorni. Tre ­pazienti ­hanno man­i­fes­tato san­gui­na­menti ­prima ­della ­CVVH, tre ­pazienti ­durante la ­CVVH, ma uno di ­questi è ­stato sot­to­posto a rip­e­tuti inter­venti chi­rur­gici.
Con­clu­sioni. Non ­siamo in ­grado di dimos­trare che la ­CVVH non peg­giori un even­tuale san­gui­na­mento, ma con­si­derata la ­complessità dei ­pazienti sot­to­posti a trap­i­anto di ­fegato, la ­CVVH può ­essere con­si­derata il trat­ta­mento di ­scelta in ­caso di insuf­fi­cienza ­renale ­acuta in ­questi ­pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail