Home > Riviste > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Fascicoli precedenti > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2011 April;25(2/3) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2011 April;25(2/3):110-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

Rivista di Formazione, Informazione, Aggiornamento Professionale della SIMFER

 

ARTICOLI ORIGINALI  


MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2011 April;25(2/3):110-14

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il training bimanuale per i bambini con emiplegia

Fedrizzi E. 1, Corlatti A. 1, Marchi A. 1, Foscan M. 1, Arnoldi M.T. 1, Pagliano E. 1, Gruppo Italiano Paralisi Cerebrali Infantili 2

1 Unità Operativa di Neurologia dello Sviluppo, Istituto Neurologico C.Besta, Milano, Italia
2 Gruppo Italiano Paralisi Cerebrali Infantili (GIPCI)


FULL TEXT  


Nell’ambito del Trial multicentrico sulla Constraint Therapy condotto negli anni 2006- 2008 dal Gruppo Italiano Paralisi Cerebrali Infantili i medici e i terapisti dell’U.O. di Neurologia dello Sviluppo dell’Istituto Neurologico hanno trattato un gruppo di bambini emiplegici con un training intensivo di attività bimanuali ed espongono in questo articolo la loro esperienza e le sue implicazioni per la prassi riabilitativa. Il training bimanuale intensivo è stato condotto secondo un approccio di motor learning proponendo al bambino compiti e proposte di attività bimanuali in 4 aree: attività percettivo-motorie, attività di manipolazione, attività posturo-motorie e attività di autonomia e cura di sé, diversificate in relazione alle fasce di età. La formazione degli operatori è stata condotta con video esemplificativi e con riunioni periodiche di verifica. La formazione dei genitori, che dovevano proseguire a casa il trattamento nei giorni in cui i bambini non venivano al Servizio, è avvenuta sia durante il trattamento con il terapista che con un libro di esempi corredato da un video. I risultati del trial documentano in entrambi i gruppi trattati con un intervento intensivo, sia con la penalizzazione dell’arto sano, che con training bimanuale, un miglioramento significativo della funzionalità dell’arto paretico, che persiste nel tempo. Ciò induce a favorire nella prassi riabilitativa del bambino emiplegico il trattamento a cicli con periodi di riabilitazione intensiva.
Nei bambini trattati con la CIMT si è rilevato un miglioramento maggiore delle abilità di prensione, nei bambini trattati con il training bimanuale è migliorato l’uso spontaneo nel gioco e nelle ADL: ciò può indurre ad utilizzare un trattamento combinato di entrambe le modalità, alternando un periodo di CIMT ed un successivo di training bimanuale, per favorire il trasferimento delle migliori competenze della presa manuale acquisite con la Constraint dell’arto sano nelle attività della vita quotidiana abitualmente bimanuali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail