Home > Riviste > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Fascicoli precedenti > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2011 Aprile;25(2/3) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2011 Aprile;25(2/3):90-5

ULTIMO FASCICOLOMR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

Rivista di Formazione, Informazione, Aggiornamento Professionale della SIMFER

 

ARTICOLI ORIGINALI  


MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2011 Aprile;25(2/3):90-5

lingua: Italiano

Combinare tossina botulinica, fisioterapia e ortesi nel trattamento della mano plegica del bambino. Può un RCT sostenere l’efficacia?

Muzzini S. 1, Borelli G. 1, Moret A. R. 1, Filippi M. 1, Sassi S. 1, Paolicelli P. B. 3, Cioni G. 3, Ferrari A. 2

1 UO Riabilitazione Infantile, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia, Italia
2 Dipartimento Neuroscienze , Facoltà di Medicina, Università di Modena e Reggio Emilia, Reggio Emilia, Italia
3 Istituto Scientifico Stella Maris, Pisa, Italia


FULL TEXT  ESTRATTI


La terapia con tossina botulinica nel trattamento dell’arto superiore del bambino emiplegico si è mostrata efficace nel modificare le componenti strutturali e segmentarie ma non esiste per ora una sufficiente evidenza sulla incisività rispetto alle dimensioni funzionali dell’activity e delle autonomie della vita quotidiana. Abbiamo effettuato un RCT per verificare i cambiamenti indotti nelle diverse dimensioni ICF dal trattamento combinato tossina-fisioterapia-ortesi ed esplorare quanto dei risultati ottenuti fosse attribuibile all’azione della tossina e quanto al trattamento fisioterapico individualizzato combinato. Riportiamo qui alcune riflessioni critiche sulla metodologia scelta e sulle possibili ricadute in termini di risultato.

inizio pagina