Home > Riviste > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Fascicoli precedenti > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 Ottobre;24(5) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 Ottobre;24(5):45-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

Rivista di Formazione, Informazione, Aggiornamento Professionale della SIMFER

 

ARTICOLI ORIGINALI  


MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 Ottobre;24(5):45-50

lingua: Italiano

Diagnosi e trattamento della vertigine vertebrale in medicina manuale

Alpini D. 1, Brugnoni G. 2, 3

1 Servizio ORL-Otoneurologia IRCCS, S. Maria N.te Fondazione don C. Gnocchi, Milano
2 Sezione di Medicina Manuale SIMFER, Roma, Italia
3 Servizio di Medicina Fisica e Riabilitativa, Casa di Cura “Capitanio”, Milano, Italia


FULL TEXT  


La vertigine e il disequilibrio sono sintomi molto comuni nella popolazione tanto che da 1 a 10 persone in età lavorativa lamentano episodi cronici e ricorrenti di vertigine sostanzialmente inabilitanti. La possibilità di trattare in modo specifico pazienti affetti da vertigine mediante tecniche di Medicina Manuale è stata proposta sin dagli anni ’70 del secolo scorso. Tuttavia, sono ancora carenti sia un inquadramento nosologico preciso delle vertigini di origine vertebrale, la cosiddetta Vertigine Cervicale (VC), sia una schematizzazione adeguata delle modalità di trattamento manuale di questa patologia. La correlazione funzionale tra disturbi vertebrali e disturbi vestibolari è rappresentata dalla cosiddetta Unità funzionale vestibolo-vertebrale descritta da Brugnoni e Alpini per comprendere come alterazioni (patologie o disfunzioni) rachidee, in genere, e cervicali in particolare, possano determinare modificazioni funzionali del SV, in senso sia fisiologico sia patologico. Gli stessi autori hanno dimostrato che la semeiotica cervicale nella Vertigine periferica, indipendentemente dall’ezio patognesi, evidenzia sempre specifiche zone disfunzionali (Disturbo Doloroso Intervertebrale Minore, DDIM, secondo la definizione semeiologica di R. Maigne,). pertanto gli scopi di questo lavoro sono: stati quelli di proporre un esame clinico della funzione vestibolare che consenta di differenziare la vertigine cervicogenica dalla vertigine posizionale e dalla vertigine labirintica in modo da giungere a una diagnosi clinica di trattamento della vertigine specificatamente “vertebrale” e indicare le regole specificatamente “vestibolari” da seguire nel trattamento manuale della Vertigine di origine vertebrale, regole da integrare con quelle generali della Medicina Manuale secondo la Scuola di R.Maigne.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail