Home > Riviste > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Fascicoli precedenti > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 Giugno;24(3) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 Giugno;24(3)46-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

Rivista di Formazione, Informazione, Aggiornamento Professionale della SIMFER

 

ARTICOLI ORIGINALI  


MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 Giugno;24(3)46-9

lingua: Italiano

Strutture residenziali per le persone in stato vegetativo (SV) o di minima coscienza (MCS): indagine sulla applicazione della normativa della Regione Veneto

Perdon L. 1, Avesani R. 2, Boldrini P. 3

1 Dipartimento Funzionale di Riabilitazione, ULSS n.6 Vicenza, Italia
2 Dipartimento di Riabilitazione Ospedale Sacro Cuore-Don Calabria, Negrar, Verona, Italia
3 Dipartimento Interaziendale di Riabilitazione, ULSS n.9 Treviso, Ospedale Riabilitativo di Alta, Specializzazione di Motta di Livenza, Treviso, Italia


FULL TEXT  


Vengono presentati i risultati di una indagine svolta nella Regione Veneto, relativa alla applicazione della normativa sui percorsi assistenziali per le persone in situazione di bassa responsività protratta (Stato Vegetativo, SV o di Minima Coscienza, MCS). Per l’indagine è stato utilizzato un questionario, inviato nel 2009 a tutte le strutture riconosciute dalla Regione
per l’accoglienza delle persone come “Sezioni di accoglienza e assistenza per SV Permanenti”, ai sensi di una specifica delibera
del 2001, e collocate presso strutture extraospedaliere. All’indagine hanno risposto 16 strutture su 23, che accolgono circa l’80% delle persone assistite. Sono stati raccolti dati demografici (gli ospiti sono in prevalenza di sesso maschile) sulla eziologia del danno cerebrale (prevalente l’eziologia traumatica nel sesso maschile, quella postanossica nel
sesso femminile) sulla provenienza (per quasi il 90% gli ospiti provengono direttamente da strutture ospedaliere) nonché sulla tipologia e modalità di erogazione dei servizi offerti. Vengono rilevate alcune differenze fra le diverse strutture relative a questi ultimi aspetti, e vengono indicati alcuni ambiti di possibile miglioramento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail