Home > Riviste > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Fascicoli precedenti > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2009 December:23(3-4) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2009 December;23(3-4):243-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

Rivista di Formazione, Informazione, Aggiornamento Professionale della SIMFER

 

LAVORI SELEZIONATI  III CONGRESSO NAZIONALE MEDICI IN FORMAZIONE SPECIALISTICA IN MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA


MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2009 December;23(3-4):243-6

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Management uroriabilitativo in un reparto di neuroriabilitazione intensiva: dal catetere vescicale a permanenza all’autonomia

Sirico F. 1, Panariello G. 2, Riccio I. 2, Cervone M. 1, Gimigliano R. 1

1 Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitazione, Seconda Università degli Studi di Napoli, Napoli, Italia
2 Casa di Cura “Santa Maria del Pozzo”, Centro Riabilitativo di Alta Specialità, Somma Vesuviana, Napoli, Italia


FULL TEXT  


Obiettivo. L’obiettivo dello studio è valutare la rimozione precoce del catetere vescicale a permanenza (CVP) attraverso l’utilizzo di un protocollo, in pazienti (pz) con malattia neurologica ricoverati in un reparto di neuroriabiltiazione intensiva. Nel contempo sono state valutate le variazioni pre e post rimozione: dell’esame delle urine (riguardo la leucocituria), dell’urinocoltura, delle infezioni delle vie urinarie (IVU) sintomatiche nei pz con urinocoltura positiva pre e post rimozione e del Barthel Index (BI) relativamente all’item vescica (range 0-2).
Metodi. In un periodo di 16 mesi consecutivi si sono ricoverati 351 pz di cui 239 (68%) con CVP, 121 femmine e 118 maschi con età media di 66,6 anni (range 16-87), il 51% affetto da ictus cerebrale ischemico, il 23% da ictus cerebrale emorragico, il 17% da mielolesione, il 7% da tumore cerebrale ed il 2% da trauma cranico. Per la rimozione del CVP è stato utilizzato un protocollo tenendo conto delle condizioni cliniche generali, dei disturbi neurocognitivi e delle piaghe da decubito.
Risultati. La rimozione del CVP è avvenuta in media entro 9,7 giorni dal ricovero (range 1-59); in 26 pz è stato necessario ricorrere a più tentativi a causa di ematuria, peggioramento delle condizioni cliniche, infezioni delle vie urinarie sintomatiche e per rifiuto da parte del pz di eseguire cateterismo ad intermittenza. Dei 239 pz il 94,6% è stato dimesso con minzione autonoma bilanciata, il 3,3% dei pz, tutti affetti da mielolesione, con svuotamento vescicale attraverso l’autocateterismo ad intermittenza ed al 2,1% è stato riposizionato il CVP per peggioramento delle condizioni cliniche o per rifiuto all’esecuzione dell’autocateterismo. La positività delle urinocolture si riduce dall’82% pre rimozione al 51% post rimozione e nell’esame delle urine la leucocituria significativa si riduce dal 59% al 37%. Il 35% dei pz con CVP ed urinocoltura positiva pre rimozione ha sviluppato IVU sintomatica, mentre dopo la rimozione solo il 20%. L’item vescica del BI passa da 0/2 a 2/2 nel 97,9% dei pz.
Conclusioni. L’utilizzo del CVP per tempi lunghi non ha alcun razionale, è inutile ed espone i pz a diversi rischi. Il protocollo di rimozione del CVP da noi utilizzato è uno strumento valido nel background del riabilitatore che ne permette la rimozione precoce con vantaggi clinici, psicologici ed economici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail