Ricerca avanzata

Home > Riviste > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Fascicoli precedenti > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2007 Dicembre;21(4) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2007 Dicembre;21(4):241-5

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOMR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

Rivista di Formazione, Informazione, Aggiornamento Professionale della SIMFER

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1827-1995

Online ISSN 1827-1871

 

MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2007 Dicembre;21(4):241-5

 ARGOMENTI DI ELETTROMIOGRAFIA QUALE STRUMENTO IN RIABILITAZIONE

Valutazione elettroneurografica della sindrome del tunnel carpale trattata con rieducazione secondo la tecnica Mc Kenzie. Uno studio single subject

Nascimbeni A., Gaffuri A., Imazio P., Zoccarato C., De Bellis A.

Sezione SIMFER di Diagnostica Neurofisiologica SC Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedale Santa Croce Moncalieri, Torino, Italia

Obiettivo. La sindrome del tunnel carpale (STC) è la più frequente neuropatia da intrappolamento. Fra i trattamenti di tipo conservativo per le forme lievi o moderate sono state proposte tecniche di mobilizzazione delle strutture tendinee e nervose coinvolte. Scopo di questo studio pilota è stato la valutazione elettroneurografica degli effetti prodotti sulla conduzione nervosa dalla tecnica di mobilizzazione passiva ripetuta in estensione del polso e delle dita proposta da R. Mc Kenzie per il trattamento della STC.
Metodi. È stato utilizzato un disegno single subject di tipo AB con sei valutazioni durante la fase A di due settimane di baseline e sei durante la fase B di due settimane di trattamento; sono stati esaminati due soggetti di cui uno con STC bilaterale. Le variabili elettroneurografiche considerate sono state: la velocità di conduzione sensitiva, la latenza e l’ampiezza sensitiva e motoria con stimolazione del nervo mediano al polso.
Risultati. I dati dimostrano un miglioramento durante la fase B statisticamente significativo per i valori di ampiezza sensitiva e latenza motoria in due casi e per i valori di latenza sensitiva e velocità di conduzione sensitiva in un caso. Un miglioramento minore è stato osservato nella STC con un quadro elettroneurografico iniziale peggiore.
Conclusioni. Sebbene lo studio sia limitato per alcuni parametri da una scarsa stabilità dei dati durante la fase A, è stata osservata complessivamente una tendenza verso un miglioramento dei valori elettroneurografici durante un programma di esercizi mobilizzazione passiva; tale effetto appare più evidente nelle due forme lievi di STC osservate.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina