Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2016 Giugno;69(2) > Medicina dello Sport 2016 Giugno;69(2):254-66

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2016 Giugno;69(2):254-66

 AREA ORTOPEDICA

Confronto tra l’attivazione dei muscoli delle estremità superiori e inferiori della caviglia durante supinazione improvvisa in pazienti affetti o meno da instabilità cronica della caviglia

Ali YALFANI, Farzaneh GANDOMI

Department of Sport Injuries and Corrective Exercises, Faculty of Physical Education, Bu-Ali Sina University, Hamedan, Iran

OBIETTIVO: Obiettivo del presente studio è stato quello di effettuare una comparazione tra l’attivazione dei muscoli delle estremità superiori e inferiori della caviglia durante il movimento di supinazione improvvisa in pazienti affetti o meno da instabilità cronica della caviglia (chronic ankle instability, CAI).
METODI: Ai fini dello studio, 50 atleti professionisti sono stati selezionati sulla base degli esiti riportati in tre questionari: il FADI, che valuta l’indice di disabilità della caviglia e del piede (Foot and Ankle Disability Index), il FADI-Sport (sottoscala del FADI che valuta compiti motori essenziali per l’attività sportiva) e l’Ankle Instability Questionnaire, il questionario per l’identificazione dell’instabilità funzionale della caviglia. I soggetti della presente ricerca sono stati
divisi in due gruppi, uno comprendente i soggetti sani, l’altro formato dai soggetti con infortuni: ognuno dei due gruppi era formato da 11 soggetti di sesso femminile e 14 soggetti di sesso maschile. Successivamente, ai partecipanti sono stati applicati degli elettrodi in corrispondenza del muscolo tibiale anteriore (TA), del peroneo lungo (PL), del gastrocnemio laterale (GL), del soleo, del medio gluteo (Gmed) e del grande gluteo (Gmax). È stato quindi chiesto ai partecipanti di “lasciarsi cadere” da una pedana alta 20 cm e atterrare su un dispositivo che induce la supinazione improvvisa delle caviglie. Sono stati quindi registrati i dati relativi a due compiti motori in cui i soggetti erano a conoscenza del movimento improvviso di supinazione che avrebbero compiuto e due compiti in cui i soggetti non ne erano a conoscenza.
RISULTATI: I risultati del test MANOVA hanno dimostrato che non vi è stata alcuna interazione significativa tra i gruppi di soggetti e il tipo di compito motorio: F(17,164)=0,90, P=0,60, lambda di Wilks Λ=0,70 ed η2=0,08. Inoltre, non è stata osservata alcuna differenza significativa per quanto riguarda l’effetto principale costituito dal tipo di compito motorio: F(51,498)=0,80, P=0,67, Λ=0,70 ed η2=0,07. È stata però rilevata una differenza significativa per quanto riguarda l’effetto principale del gruppo di soggetti: F(17,164)=2,74, P=0,001, Λ=0,70 ed η2=0,22. I risultati del test di Tukey hanno mostrato che la retroazione (feedback) elettromiografica (EMG) del gastrocnemio, l’anticipazione (feedforward) EMG del medio gluteo, la retroazione EMG del soleo, la retroazione EMG del peroneo lungo e la somma delle retroazioni elettromiografiche della catena cinetica degli arti inferiori erano differenti tra il gruppo dei soggetti sani e quello dei soggetti con CAI. Sulla base di tali risultati, possiamo affermare che l’utilizzo della retroazione e dell’anticipazione dei muscoli è dipeso dalla condizione della caviglia. Nel presente studio è stata creata artificialmente una situazione di distorsione della caviglia, osservando che i soggetti con distorsioni croniche della caviglia attivavano i muscoli locali e globali in maniera differente in una situazione di instabilità inaspettata.
CONCLUSIONI: Sulla base dei risultati della presente ricerca, possiamo raccomandare l’impiego di un dispositivo che induce il movimento di supinazione negli esercizi di riabilitazione nei casi di instabilità della caviglia.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina