Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2016 June;69(2) > Medicina dello Sport 2016 June;69(2):204-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA MEDICA  


Medicina dello Sport 2016 June;69(2):204-14

lingua: Italiano, Inglese

L’attività sportiva di bambini e adolescenti affetti da emofilia

Iwona SZYMKUĆ-BUKOWSKA 1, Andrzej KURYLAK 2, Małgorzata CISOWSKA-ADAMIAK 1, Magdalena MACKIEWICZ-MILEWSKA 1, Wojciech HAGNER 1

1 Department of Rehabilitation, Nicolaus Copernicus University, Toruń, Poland; 2 Department of Pediatrics, Hematology and Oncology, Nicolaus Copernicus University, Toruń, Poland


PDF  


OBIETTIVO: Al giorno d’oggi, il trattamento dell’emofilia consente ai pazienti di condurre una vita attiva e praticare diverse discipline sportive. Obiettivo del presente studio è stato quello di analizzare il livello di attività fisica in bambini e adolescenti affetti da emofilia A e B grave e moderata e di confrontarlo con quello dei loro coetanei sani.
METODI: Il presente studio di coorte retrospettivo ha incluso 67 bambini e ragazzi di sesso maschile con emofilia conclamata e 91 loro coetanei sani. Il gruppo studiato comprendeva 62 (92,54%) pazienti affetti da emofilia A e 5 (7,46%) soggetti con emofilia B. Sessanta dei pazienti esaminati (89,55%) soffrivano di emofilia grave, mentre sette (10,45%) soffrivano di emofilia moderata. In 30 (44,78%) partecipanti è stata osservata la presenza di un carattere familiare della malattia.
RISULTATI: Cinquantuno dei 67 giovani pazienti affetti da emofilia (76,12%) sono risultati impegnati in almeno una disciplina sportiva, mentre 16 (23,88%) soggetti non sono risultati coinvolti in alcuna forma di attività sportiva. È emerso che soltanto due soggetti affetti da emofilia partecipavano alle lezioni di educazione fisica a scuola. La maggior parte dei pazienti emofiliaci praticava nuoto o ciclismo (N.=32 ciascuno), mentre gli altri erano impegnati nel calcio (N.=9), nel tennistavolo (N.=7), nella pallacanestro (N.=3) o nella corsa (N.=2).
CONCLUSIONI: Nonostante le infusioni profilattiche, il livello di attività sportiva dei pazienti pediatrici affetti da emofilia è relativamente basso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail