Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2016 June;69(2) > Medicina dello Sport 2016 June;69(2):184-93

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FISIOLOGICA  


Medicina dello Sport 2016 June;69(2):184-93

lingua: Italiano, Inglese

Risposte di tipo on e off della frequenza cardiaca all’esercizio fisico sovramassimale nei non atleti

Milan P. MLADENOVIĆ 1, Aleksandar V. KLAŠNJA 1, Vedrana M. KARAN 1, Zoran B. OVCIN 2

1 Medical School, University of Novi Sad, Novi Sad, Serbia; 2 Faculty of Technical Sciences, University of Novi Sad, Novi Sad, Serbia


PDF  


OBIETTIVO: Benché sia risaputo che la risposta di tipo “on” della frequenza cardiaca (heart rate, HR) all’esercizio fisico ad alta intensità è causata sia dall’inibizione parasimpatica che dall’attivazione simpatica e che la risposta di tipo “off” è caratterizzata dalla riattivazione parasimpatica, non si conosce molto riguardo l’effettivo inizio del recupero dell’HR (heart rate recovery, HRR).
METODI: Ventotto non-atleti di sesso maschile sedentari hanno eseguito un test anaerobico di Wingate di 30 secondi su un cicloergometro; sono stati modellati l’aumento della HR durante l’esercizio (risposta di tipo “on”, HRon) e la sua diminuzione durante il recupero (risposta di tipo “off”), prestando attenzione al ritardo dell’insorgenza dell’HRR.
RISULTATI: L’HRon ha mostrato una correlazione moderata con la curva cronotropa (chronotropic slope, CS; l’aumento della HR con l’età ha predetto la HR massima) (r=0,593, P<0,05). È stata riscontrata una correlazione elevata tra i parametri “off” dell’HR: HRR60 (differenza tra l’HR finale a esercizio fisico completato e l’HR registrata dopo 60 secondi) e Toff (costante temporale che descrive il modello della risposta “off” dell’HR) (r=0,7, P<0,05) e una correlazione moderata tra HRR60 e T30 (r=0,6, P<0,05) e tra Toff e T30 (il reciproco negativo della pendenza della linea di regressione dell’HR per i primi 30 secondi dell’HRR) (r=0,611, P<0,05). La frequenza cardiaca (heart rate, HR) è tornata a valori stabili dopo 5 minuti di recupero ma è rimasta più elevata che a riposo (P<0,05). Il ritardo tra l’inizio del protocollo di recupero e l’inizio (t0) è stato di 5,2±1,0 s e ha mostrato una correlazione con la costante temporale che descrive il modello della riposta di tipo “on” dell’HR (Ton) (0,723, P<0,05) e una correlazione moderata con HRon (0,455, P<0,05) e con la curva cronotropa (0,513, P<0,05).
CONCLUSIONI: Non sono state osservate correlazioni tra le risposte di tipo “on” e “off” della frequenza cardiaca (HR) durante l’esercizio fisico sovramassimale. Inoltre, abbiamo riscontrato un ritardo di 5,2±0,1 s prima dell’inizio della diminuzione dell’HR in seguito all’interruzione di un esercizio intenso e tale ritardo è correlato ai parametri di cardioaccelerazione Ton, HRon (costante temporale che descrive il modello della risposta di tipo “on” dell’HR) e CS.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail