Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2016 March;69(1) > Medicina dello Sport 2016 March;69(1):108-16

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA  


Medicina dello Sport 2016 March;69(1):108-16

lingua: Italiano, Inglese

L’esercizio fisico isocinetico ha un’influenza negativa sullo spessore della cartilagine femorale misurato tramite ecografia nei casi di osteoartrosi del ginocchio?

Zafer GÜNENDI 1, Sirin AKBULUT AKYÜREK 1, Ozden OZYEMISCI TASKIRAN 1, Bilge KESIKBURUN 2, Selma YANPAL 1, Jale MERAY 1, Feride GÖĞÜŞ 1

1 Department of Physical Medicine and Rehabilitation, Faculty of Medicine, Gazi University, Ankara, Turkey; 2 Department of Physical Medicine and Rehabilitation, Dışkapı Yıldırım Beyazıt Research and Training Hospital, Ankara, Turkey


PDF  


OBIETTIVO: L’esercizio fisico isocinetico ha apportato benefici clinici considerevoli ai pazienti affetti da osteoartrosi del ginocchio. L’obiettivo del presente studio è stata la valutazione dell’effetto di un programma di esercizio fisico isocinetico sullo spessore della cartilagine femorale in pazienti con osteoartrosi del ginocchio.
METODI: Nello studio sono stati inclusi quarantaquattro pazienti (età media 55 anni) affetti da osteoartrosi femoro-tibiale bilaterale. Sono stati valutati dolore, funzionalità e spessore ecografico della cartilagine femorale di tutti i partecipanti. I pazienti sono stati assegnati casualmente a due gruppi: il gruppo che ha svolto l’esercizio isocinetico e il gruppo di controllo. Il gruppo che ha svolto l’esercizio isocinetico ha seguito un programma di allenamento supervisionato composto da esercizi isocinetici e isometrici per i muscoli flessori ed estensori del ginocchio ed esercizi per l’ampiezza di movimento del ginocchio cinque volte a settimana per tre settimane. Il gruppo di controllo ha eseguito lo stesso programma di allenamento, ad eccezione dell’esercizio isocinetico. Al termine del programma di allenamento, le valutazioni cliniche ed ecografiche sono state ripetute dallo stesso fisiatra, il quale era all’oscuro dei gruppi dello studio.
RISULTATI: In entrambi i gruppi, sono stati rilevati miglioramenti significativi nei punteggi relativi a dolore e funzionalità in seguito ai protocolli di trattamento (P<0,05). Le differenze medie nei punteggi relativi a dolore e funzionalità dei due gruppi non sono risultate significative (P>0,05). In nessuno dei due gruppi sono state rilevate differenze significative nelle misurazioni ecografiche dello spessore della cartilagine in seguito al trattamento (P>0,05).
CONCLUSIONI: L’effetto del programma di potenziamento che comprendeva l’esercizio isocinetico sulla cartilagine del ginocchio è risultato simile a quello del programma di potenziamento senza l’esercizio isocinetico. L’esercizio isocinetico non ha mostrato alcun effetto negativo sullo spessore della cartilagine del ginocchio misurata tramite ecografia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail