Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2016 Marzo;69(1) > Medicina dello Sport 2016 Marzo;69(1):49-57

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2016 Marzo;69(1):49-57

 AREA FISIOLOGICA

Effetti dell’integrazione di taurina sull’affaticamento cardiaco indotto dall’esercizio fisico in seguito a esercizi di resistenza a circuito di diversa intensità in uomini sani privi di preparazione atletica

Khidan HATAMI 1, Hiwa MORADIANI 2, Kamal AZIZBEIGI 1

1 Department of Physical Education and Sports Sciences, Faculty of Educational Sciences and Psychology Sanandaj Branch, Islamic Azad University, Sanandaj, Iran; 2 Department of Cellular and Molecular Exercise Physiology Faculty of Physical Education and Sport Science, Urmia University, Urmia, Iran

OBIETTIVO: L’aumento del carico di lavoro cardiaco per un esercizio fisico faticoso può compromettere transitoriamente la funzione cardiaca. Lo scopo del presente studio è stato quello di studiare gli effetti dell’integrazione di taurina sull’affaticamento cardiaco indotto dall’esercizio fisico (exercise-induced cardiac fatigue, ECIF) in seguito a esercizi di resistenza a circuito di diversa intensità in uomini sani privi di preparazione atletica.
METODI: Quaranta uomini di età universitaria privi di preparazione atletica sono stati assegnati in maniera casuale a quattro gruppi: (Taurina+80% di 1RM, N.=10), (Taurina+65% di 1RM, N.=10) e (placebo+80% di 1RM, N.=10), (placebo+65% di 1RM, N.=10). Venti soggetti hanno ricevuto un’integrazione di taurina di 500 mg tre volte al giorno per 2 settimane, quindi 20 soggetti (divisi in due gruppi) hanno ricevuto placebo (amido) e hanno eseguito esercizi di resistenza a circuito in 3 serie, (80% di 1RM, 6-7 ripetizioni) e (65% di 1RM, 9-10 ripetizioni). Un campione di sangue di 10 ml è stato prelevato immediatamente dopo, 2 ore dopo e 24 ore dopo l’esercizio.
RISULTATI: I risultati hanno evidenziato che la concentrazione di taurina nei gruppi della taurina è diminuita significativamente in risposta agli esercizi di resistenza a circuito all’80% e 65% di 1RM (P≤0,0005). Il livello sierico di cTnI è aumentato significativamente tra gli stadi immediatamente dopo l’esercizio (immediately postexercise, IP) e 2 ore dopo l’esercizio rispetto allo stadio basale (P≤0,01). Inoltre, il livello sierico di cTnT è aumentato tra gli stadi IP e 2 ore dopo l’esercizio rispetto allo stadio basale (P≤0,001).
CONCLUSIONI: I risultati dello studio hanno mostrato che i livelli di cTnT sono aumentati in seguito a un esercizio di resistenza a circuito di intensità elevata, mentre non è stato osservato alcun cambiamento dei livelli di cTnI. Inoltre, è stato riscontrato che l’utilizzo di integrazioni di taurina previene la comparsa dei biomarcatori indicanti un danno cardiaco. Pertanto, le troponine sono normalmente considerate come un indice sensibile e specifico dell’ECIF.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina