Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2016 March;69(1) > Medicina dello Sport 2016 March;69(1):1-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

EDITORIALE  


Medicina dello Sport 2016 March;69(1):1-12

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

I contributi relativi dei genotipi ACE ai tratti di personalità in atleti tunisini

Hela ZNAZEN 1-3, Aouatef MEJRI 4, Mokhtar CHTARA 2, 3, Walid BRIKI 5, Sarra HAMMOUDI NASSIB 2, 3, Marina BUTOVSKAYA 7, Oleg E. LAZEBNY 8, Hajer SIALA 4, Taieb MESSAOUD 4, Karim CHAMARI 6, Nizar SOUISSI 2, 3

1 Faculty of Sciences of Bizerte, University of Garthage, Jarzouna, Bizerte, Tunisia; 2 Tunisian Research Laboratory “Sports Performance Optimization” National Center of Medicine and Science in Sports (CNMSS), Tunis, Tunisia; 3 Higher Institute of Sport and Physical Education of Ksar Saïd, Univercity of Manouba, Manouba, Tunisia; 4 Laboratory of Clinical Biochemistry and Molecular Biology, Children Hospital Bechir Hamza of Tunis, Tunis, Tunisia; 5 Qatar University, College of Arts and Sciences, Sport Science Program, Doha, Qatar; 6 Athlete Health and Performance Research Centre, ASPETAR Qatar Orthopaedic and Sports Medicine Hospital, Doha, Qatar; 7 Institute of Ethnology and Anthropology, Russian Academy of Sciences, Moscow, Russia; 8 Kol’tsov Institute of Developmental Biology, Russian Academy of Sciences, Moscow, Russia


PDF  


OBIETTIVO: Scopo del presente studio è stato verificare se i genotipi ACE possano essere associati a particolari tratti di personalità potenzialmente utilizzabili come fattori predittivi della performance atletica. Hanno partecipato volontariamente allo studio ottantasette atleti praticanti atletica leggera (47 uomini, 40 donne; età 20,55±2,22) a livello internazionale. Gli atleti sono stati classificati prospetticamente in due gruppi in base al loro polimorfismo genetico associato agli sforzi fisici: gruppo di resistenza (allele I, n.=48) e gruppo di potenza (allele D, n.=39). Tale predisposizione genetica corrispondeva alla specialità degli atleti.
METODI: I tratti di personalità sono stati determinati prima delle competizioni e il polimorfismo del gene ACE è stato esaminato tramite reazione a catena della polimerasi.
RISULTATI: I risultati hanno rivelato una forte relazione tra i punteggi delle performance e i costrutti psicologici. Utilizzando l’allele I (associato alla resistenza), la calma ha spiegato il 31% della varianza, mentre prendendo in considerazione anche la socialità è stato spiegato il 43% della varianza del punteggio delle performance. Utilizzando l’allele D (associato alla potenza) il nervosismo ha spiegato il 23% della varianza, mentre considerando anche l’aggressività è stato spiegato il 34% della varianza del punteggio delle performance.
CONCLUSIONI: Il presente studio è il primo a interpretare la relazione tra il gene ACE e i tratti di personalità e ha fornito evidenze a sostegno del fatto che i corridori sulla distanza e gli atleti di potenza hanno mostrato diversi profili di personalità associati alla propria predisposizione basata sul polimorfismo ACE I/D.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail