Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 December;68(4) > Medicina dello Sport 2015 December;68(4):679-703

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,202


eTOC

 

FORUM  


Medicina dello Sport 2015 December;68(4):679-703

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Progetto LEGASPO: educazione alla legalità in ambito sportivo

Merzagora I. 1, Romano C. A. 2, Verzeletti A. 3, Travaini G. V. 1

1 Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute, Università degli Studi di Milano, Milano, Italy; 2 Dipartimento di Giurisprudenza, Università degli Studi di Brescia, Brescia, Italy; 3 Dipartimento di Specialità Medico Chirurgiche, Scienze Radiologiche e Sanità Pubblica Università degli Studi di Brescia, Brescia, Italy


PDF  


La ricerca scientifica si è occupata del rapporto tra legalità e pratica sportiva nei giovani prevalentemente rispetto al fenomeno del doping. Attraverso il “Progetto LEGASPO, Educazione alla Legalità in Ambito Sportivo”, finanziato dalla Federazione Medico Sportiva Italiana, il nostro intento è stato quello di indagare la situazione del rispetto della legalità durante la pratica sportiva anche relativamente ad altri aspetti, non solo al doping, da parte di un campione di giovani (età media 18,6 anni) lombardi, le loro conoscenze in materia, i loro atteggiamenti. È stato elaborato e somministrato un questionario di 68 domande. Sono stati raccolti 280 questionari, e le risposte elaborate attraverso il software SPSS. Dai risultati emerge una buona conoscenza del fenomeno del doping e dei suoi effetti. Nessuno dei soggetti ammette l’uso di doping, e ben pochi conoscerebbero qualcuno che ne fa uso. I dati indicano inoltre una corretta percezione della nocività e/o della slealtà dell’utilizzo di sostanze dopanti, e dell’importanza in termini preventivi ed educativi di allenatori, dirigenti e medici. Relativamente al rispetto delle regole durante la pratica sportiva, i nostri risultati indicano una maggiore indulgenza da parte degli intervistati per altre scorrettezze, quali gli espedienti per ingannare arbitri e allenatori, o per ottenere vantaggi sugli avversari. Inoltre, il 26 % degli intervistati ha ammesso di aver fatto del male a un avversario prima o dopo la gara. In sintesi, emerge un quadro incoraggiante circa la scarsa diffusione del doping e la consapevolezza del disvalore del suo utilizzo. Il discorso è invece differente per altre forme di scorrettezza durante la pratica sportiva, che dai nostri dati appare collegato anche alla forte pressione esercitata sui giovani atleti da famigliari o allenatori. La raccomandazione, quindi, è quella di un maggiore sforzo sia di ricerca sia in senso preventivo relativamente a questo ultimo aspetto dell’illegalità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail