Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 December;68(4) > Medicina dello Sport 2015 December;68(4):651-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Per citare questo articolo

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,202


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA  


Medicina dello Sport 2015 December;68(4):651-62

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

La pubalgia del calciatore: problema reale o sopravvalutato?

Pogliacomi F. 1, Pedrini M. F. 2, Pourjafar S. 1, Pellegrini A. 1, Paraskevopoulos A. 1, Costantino C. 2, Ceccarelli F. 1

1 Department of Surgical Sciences, Orthopedic Clinic, University of Parma, Parma, Italy; 2 Department of Biomedical, Biotechnological and Translational Sciences, Graduate School of Physical and Rehabilitation Medicine, University of Parma, Parma, Italy


PDF  


SCOPO: Le sindromi pubalgiche del calciatore non devono essere sottovalutate poiché spesso risultano essere associate a elevata morbidità con assenze prolungate dall’attività sportiva. L’obiettivo dello studio è stato quello di verificare la correttezza della diagnosi iniziale di pubalgia in calciatori professionisti o se il dolore derivasse da altre patologie o alterazioni morfo-strutturali.
METODI: In questo studio sono stati valutati 44 atleti, suddivisi in 2 gruppi: il primo di 22 pazienti con dolore pelvico anteriore e diagnosi generica di pubalgia e il secondo di 22 pazienti asintomatici. Per ogni giocatore è stata eseguita una valutazione clinica e strumentale con radiografie del bacino e teleradiografie degli arti inferiori e, inoltre, in quelli sintomatici una risonanza magnetica del bacino.
RISULTATI: Il 50% dei pazienti era affetto da una reale pubalgia e il 50% da altre problematiche. In particolare il 18,2% dei casi presentava un impingement femoro-acetabolare, il 18,2% una dismetria degli arti inferiori, il 4,5% un’avulsione della spina iliaca antero-inferiore, il 4,5% un varicocele e il 4,5% una rottura tendinea incompleta del retto femorale all’inserzione prossimale. La statistica descrittiva ha inoltre dimostrato come l’81,1% dei casi con pubalgia interessasse i centrocampisti.
CONCLUSIONI: Dai risultati ottenuti si evince come la pubalgia possa essere la reale causa di dolore pelvico anteriore in un numero considerevole di casi, ma è comunque necessario considerare nella diagnosi differenziale altre patologie o alterazioni morfo-strutturali che possono essere la causa di tale sintomatologia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Pogliacomi F, Pedrini MF, Pourjafar S, Pellegrini A, Paraskevopoulos A, Costantino C, et al. Pubalgia and soccer: real or overestimated problem? Med Sport 2015 December;68(4):651-62. 

Corresponding author e-mail