Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 December;68(4) > Medicina dello Sport 2015 December;68(4):651-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA  


Medicina dello Sport 2015 December;68(4):651-62

lingua: Italiano, Inglese

La pubalgia del calciatore: problema reale o sopravvalutato?

Pogliacomi F. 1, Pedrini M. F. 2, Pourjafar S. 1, Pellegrini A. 1, Paraskevopoulos A. 1, Costantino C. 2, Ceccarelli F. 1

1 Department of Surgical Sciences, Orthopedic Clinic, University of Parma, Parma, Italy;
2 Department of Biomedical, Biotechnological and Translational Sciences, Graduate School of Physical and Rehabilitation Medicine, University of Parma, Parma, Italy


PDF  


SCOPO: Le sindromi pubalgiche del calciatore non devono essere sottovalutate poiché spesso risultano essere associate a elevata morbidità con assenze prolungate dall’attività sportiva. L’obiettivo dello studio è stato quello di verificare la correttezza della diagnosi iniziale di pubalgia in calciatori professionisti o se il dolore derivasse da altre patologie o alterazioni morfo-strutturali.
METODI: In questo studio sono stati valutati 44 atleti, suddivisi in 2 gruppi: il primo di 22 pazienti con dolore pelvico anteriore e diagnosi generica di pubalgia e il secondo di 22 pazienti asintomatici. Per ogni giocatore è stata eseguita una valutazione clinica e strumentale con radiografie del bacino e teleradiografie degli arti inferiori e, inoltre, in quelli sintomatici una risonanza magnetica del bacino.
RISULTATI: Il 50% dei pazienti era affetto da una reale pubalgia e il 50% da altre problematiche. In particolare il 18,2% dei casi presentava un impingement femoro-acetabolare, il 18,2% una dismetria degli arti inferiori, il 4,5% un’avulsione della spina iliaca antero-inferiore, il 4,5% un varicocele e il 4,5% una rottura tendinea incompleta del retto femorale all’inserzione prossimale. La statistica descrittiva ha inoltre dimostrato come l’81,1% dei casi con pubalgia interessasse i centrocampisti.
CONCLUSIONI: Dai risultati ottenuti si evince come la pubalgia possa essere la reale causa di dolore pelvico anteriore in un numero considerevole di casi, ma è comunque necessario considerare nella diagnosi differenziale altre patologie o alterazioni morfo-strutturali che possono essere la causa di tale sintomatologia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail