Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4) > Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4):601-13

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4):601-13

 AREA MEDICA

La salute delle schermitrici nel contesto della promozione della salute

Kaiser A. 1, Sokołowski M. 2, Mrozkowiak M. 3, Wieczorek A. 4, Adrian J. 5, Wieczorek J. 6

1 Department of Tourism and Recreation, Poznań School of Banking, Poznań Poland;
2 Department of Modern and Defensive Sports, University School of Physical Education in Poznań, Poznań, Poland;
3 Department of Physiotherapy, Kazimierz Wielki University in Bydgoszcz, Bydgoszcz, Poland;
4 Department of Team Games, University School of Physical Education in Poznań, Poznań, Poland;
5 Department of Team Games, University School of Physical Education in Poznań, Poznań, Poland;
6 Department of Sport for People with Disabilities, University School of Physical Education in Poznań, Poznań, Poland

OBIETTIVO: Analisi del potenziale salutare della atlete che praticano la scherma a livello di rappresentativa del voivodato wielkopolskie, prendendo in considerazione la valutazione della composizione del corpo, la valutazione della salute, i comportamenti salutari scelti e la comparazione al gruppo di atlete che praticano la lotta olimpica.
METODI: Sono stati condotti esami nel luglio 2013 nel Wojewódzki Ośrodek Sportu i Rekreacji (Centro Sportivo e Ricreativo del Voivodato) di Drzonków, durante il raduno sportivo di preparazione al periodo di inizio stagione. Agli esami hanno partecipato 20 ragazze (mean±SD, età: 15±1,19 anni; peso: 168,4±6,14 cm; massa corporea: 54,7±8,57 kg). Le atlete sono state sottoposte a esami antropometrici, sono stati misurati i componenti della massa corporea (metodo della bioimpedenziometria - BIA). È stata applicata la Lista dei Valori Personali (LVP), il Questionario Internazionale dell’Attività Fisica (IPAQ) e la tecnica dell’indagine d’autore.
RISULTATI: I componenti cellulari del corpo delle atlete indicano proporzioni corrette. Tra le atlete di scherma sottoposte agli esami, la differenza individuale nella composizione cellulare è minore in relazione alle atlete di lotta olimpica, il che suggerisce una maggiore similitudine interna in questo ambito del gruppo di atlete di scherma. Tuttavia si osservano casi singoli di atlete di questo gruppo con massa grassa superiore ai limiti della norma. Le giovani atlete di scherma considerano la salute come un valore, nonostante sia considerata raramente un valore fondamentale. Nel gruppo esaminato non si presenta il problema delle sostanze stimolanti. La atlete di scherma spesso risentono dello stress psicologico prima delle gare, il che differenzia questo gruppo dalle atlete di lotta olimpica. Nella dieta delle ragazze esaminate si notano numerose abitudini alimentari scorrette.
CONCLUSIONI: L’attività fisica regolare come regolatore del bilancio energetico può essere un modo efficace per prevenire l’accumulo di riserve di grasso delle atlete che praticano la scherma. Nell’ottica di avere cura della salute attuale e futura degli atleti, è indispensabile inserire nel processo dell’allenamento sportivo gli elementi dell’allenamento salutare. In questo modo è possibile ottenere non solamente un successo sportivo episodico, ma creare un rapporto positivo nei confronti della propria salute e della propria condizione fisica.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina