Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4) > Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4):563-75

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FISIOLOGICA  


Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4):563-75

lingua: Italiano, Inglese

Valutazione funzionale di corridori di atletica leggera di sesso maschile con il test FMS

Adamczyk J. G. 1, 2, Boguszewski D. 1, Bialoszewski D. 1

1 Physiotherapy Division, Department of Rehabilitation, Warsaw Medical University, Warsaw, Poland;
2 Department of Theory of Sport, Józef Piłsudski University of Phisical Education of Warsaw, Warsaw, Poland


PDF  


OBIETTIVO: L’allenamento motorio funzionale è concepito per ridurre il rischio di subire un infortunio. L’obiettivo dello studio consisteva nell’analisi e nella valutazione funzionale di un gruppo di atleti di atletica leggera di sesso maschile.
METODI: Il gruppo campione comprendeva 90 partecipanti divisi in tre gruppi: velocisti (velocità, N.=32), mezzofondisti (mezzofondo, N.=28) e soggetti non allenati nella corsa (controllo, N.=30). Lo studio è stato condotto in periodi di allenamento molto intenso, durante i quali gli atleti mostravano una performance sportiva di livello elevato. Ai fini della valutazione funzionale è stato utilizzato il test FMS (Functional Movement Screen).
RISULTATI: Il punteggio medio nel test è risultato pari a 16,53 nel gruppo di velocisti e 16,96 nel gruppo di mezzofondisti. Questi gruppi hanno totalizzato un punteggio significativamente superiore (P<0,001) a quello dei non atleti, il che suggerisce che il rischio di subire un infortunio dovuto a deficit del movimento funzionale corrisponde a circa il 25%. I punteggi degli atleti sono stati significativamente superiori a quelli dei non atleti (13,32; P<0,001). In nessuno dei gruppi sono emerse relazioni statisticamente significative (P>0,05) tra il punteggio realizzato nel test FMS e le variabili età, altezza, massa corporea ed esperienza atletica dimostrata. Entrambi i gruppi degli atleti hanno totalizzato il punteggio più basso nel test della stabilità rotatoria.
CONCLUSIONI: I risultati confermano l’impatto benefico dell’allenamento atletico sulla forma fisica funzionale, il che legittima l’introduzione di alcuni dei suoi elementi nei programmi di allenamento della forma fisica generale ai fini della prevenzione degli infortuni. L’FMS può essere un efficace strumento di valutazione nel mondo dello sport.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail