Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4) > Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4):541-54

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2015 Dicembre;68(4):541-54

 AREA FISIOLOGICA

Valutazione della potenza anaerobica e aerobica come valori di riferimento in donne di età avanzata

Oesen S. 1, Bachl N. 1, 2, Baron R. 2

1 Centre for Sport Science and University Sports, Department of Sports and Exercise Physiology, University of Vienna, Vienna, Austria;
2 Austrian Institute of Sport Medicine (ÖISM), Vienna, Austria

OBIETTIVO: Lo scopo dello studio è stato in primo luogo di valutare la potenza anaerobica in donne anziane (età da 50 a 70 anni) con tre differenti metodi di determinazione sullo stesso cicloergometro. In secondo luogo, sono state misurate la potenza anaerobica e la potenza aerobica, determinando la relazione fra massima potenza aerobica (PmaxAer) e massima potenza anaerobica (PmaxAn) per sviluppare un Power Index (PImax) che potesse essere considerato come valore di riferimento per donne di questa fascia di età.
METODI: Sono state utilizzate tre differenti tecniche di determinazione della potenza anaerobica (Wingate test classico, test isocinetico e “single-all-out test” in 39 soggetti non allenati. PmaxAer è stata valutata con un test incrementale su cicloergometro. Tutte le rilevazioni sono state fatte utilizzando lo stesso cicloergometro.
RISULTATI: La potenza massima aerobica raggiunta durante il test aerobico (PmaxAer rel.) è stata 1,93 W/kg (±0,4). I test di determinazione della potenza anaerobica hanno mostrato una performance massima simile comparando i valori espressi nel test isocinetico (IsoPpeak rel.: 5,56±1,5) e quelli espressi nel Wingate test (WinPpeak rel.: 5,88 (±1,0). I soggetti testati hanno raggiunto i valori massimi nel test di forza-velocità (NonIsoPpeak rel.: 11,34±2,5). Inoltre, abbiamo trovato una correlazione significativa fra i tre test anaerobici presi in considerazione (r=0,743-0,789; P<0,001). Il rapporto fra potenza aerobica e potenza anaerobica (PImax) è risultato essere 34±3,6%.
CONCLUSIONE: Lo studio stabilisce i valori di riferimento per la popolazione nella fascia di età indagata. I nostri risultati suggeriscono che i tre protocolli utilizzati per determinare la potenza anaerobica sono metodi ugualmente utili. All’aumentare dell’età PImax non cambia, mentre si ha una diminuzione dei valori massimali di performance aerobica e anaerobica.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina