Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 Giugno;68(2) > Medicina dello Sport 2015 Giugno;68(2):313-21

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2015 Giugno;68(2):313-21

 AREA ORTOPEDICA

Indagine sull’attività elettromiografica di muscoli effettori selezionati nelle lesioni del legamento crociato anteriore durante l’esecuzione di quattro esercizi pliometrici su superfici morbide e dure

Pourmahmoudian P. 1, Minoonejad H. 2, Ashraf Jamshidi A. 3, Pourmahmoudian P. 4

1 Department of Corrective Exercises and Sport Injury, Faculty of Physical Education, University of Guilan, Guilan, Iran;
2 Department of Health and Sport Medicine, Faculty of Physical Education, University of Tehran, Tehran, Iran;
3 Department of Physical Therapy, Faculty of Rehabilitation, University of Iran, Tehran, Iran;
4 Student Research Committee, Faculty of Medicine and Health Sciences, Shahid Sadoughi University, Yazd, Iran

OBIETTIVO: Gli esercizi pliometrici sono tra i più importanti per migliorare il funzionamento del sistema neuromuscolare nella prevenzione delle lesioni del legamento crociato anteriore (LCA), ma gli effetti di ognuno di questi esercizi pliometrici non sono stati finora esaminati separatamente. Inoltre, abbiamo previsto che i rapporti dell’attività muscolare sarebbero cambiati su superfici diverse. Pertanto, obiettivo del presente studio è stato quello di esaminare l’attività elettromiografica (EMG) dei muscoli coinvolti nella lesione del LCA durante l’esecuzione di quattro esercizi pliometrici su superfici morbide e dure al fine di individuare un esercizio e una superficie adatti per la prevenzione delle lesioni del LCA.
METODI: Al presente studio hanno preso parte 15 atleti volontari di sesso maschile; le analisi della varianza a misure ripetute (ANOVA) a due vie sono state utilizzate per esaminare l’attività muscolare nelle fasi di feedforward (anticipazione) e feedback (retroazione) dell’atterraggio. Abbiamo scelto come esercizi pliometrici il salto con ginocchia al petto (tuck jump, TJ), il salto a una gamba lungo il piano sagittale (single leg hop in sagittal plane, SLHSP), il salto a una gamba lungo il piano frontale (single leg hop in frontal plane, SLHFP) e il salto da fermi (squat jump, SJ), mentre come superfici abbiamo scelto il tatami, il tappeto da wrestling e un normale suolo rigido.
RISULTATI: Non abbiamo riscontrato differenze significative nell’attività di tutti i muscoli sulle diverse superfici (P>0,05), mentre abbiamo rilevato differenze significative tra l’attività del bicipite femorale, del gluteo medio e del gastrocnemio nei diversi esercizi (P<0,05). Il gluteo medio ha mostrato la massima attività durante il salto a una gamba lungo il piano frontale (SLHFP). Durante il salto a una gamba lungo il piano sagittale (SLHSP), abbiamo osservato una massima attività del bicipite femorale e una ridotta attività del retto femorale e del gastrocnemio.
CONCLUSIONI: Il SLHFP è l’esercizio più adatto per potenziare e migliorare il sistema neuromuscolare del gluteo medio, mentre il SLHSP è l’esercizio più adatto per superare la dominanza del quadricipite e migliorare il sistema neuromuscolare del bicipite femorale. Il salto con ginocchia al petto (TJ) e il salto da fermi (SJ) mostrano rapporti inadeguati per quanto concerne l’attività muscolare degli arti inferiori. SLHSP e SLHFP potrebbero essere gli esercizi fisici più adeguati per la prevenzione delle lesioni del LCA.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina