Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 June;68(2) > Medicina dello Sport 2015 June;68(2):291-302

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA  


Medicina dello Sport 2015 June;68(2):291-302

lingua: Italiano, Inglese

Quale tecnica di stretching è efficace nel ridurre il deficit di rotazione interna gleno-omerale?

Guney H. 1, Oznur Karabicak G. 1, Ozunlu Pekyavas N. 2, Teker B. 1, Ece Gunaydin O. 1, Balci P. 1, Baltaci G. 1

1 Department of Physiotherapy and Rehabilitation, Faculty of Health Sciences, Hacettepe University, Ankara, Turkey;
2 Department of Physiotherapy and Rehabilitation, Faculty of Health Sciences, Baskent University, Ankara, Turkey


PDF  


OBIETTIVO: Obiettivo del presente studio è stato quello di confrontare i progressi ottenuti nella riduzione del deficit di rotazione interna gleno-omerale (GIRD) e nella rigidità della capsula posteriore (posterior capsule tightness, PCT) con l’uso di tre tecniche di stretching differenti: stretching manuale (SM), stretching in posizione del dormiente (sleeper stretch, SS) e stretching in obliquo (cross body stretch, CBS) in soggetti affetti da GIRD.
METODI: Settantuno donne non atlete, affette da GIRD sono state assegnate in maniera casuale a uno di tre gruppi: SM (N.=24), CBS (N.=23) e SS (N.=24). Per determinare la presenza di GIRD sono state valutate la rotazione interna (RI) gleno-omerale (GO), la rotazione esterna (RE) e l’ampiezza di movimento (range of motion, ROM) in adduzione orizzontale. Per determinare la presenza di PCT è stata misurata la distanza tra l’olecrano e il tavolo mentre i soggetti erano in posizione distesa sul fianco. Ogni gruppo ha effettuato gli esercizi di stretching per una settimana. I cambiamenti della ROM e della PCT nei diversi soggetti sono stati confrontati utilizzando l’analisi della varianza a misure ripetute (ANOVA).
RISULTATI: La riduzione del GIRD e della PCT nel gruppo che ha effettuato lo SM è risultata significativamente maggiore di quella dei gruppi che hanno effettuato lo SS e il CBS (P=0,01). Non sono state rilevate differenze nella riduzione di GIRD e PCT tra i gruppi SS e CBS (P>0,05). Lo SM, lo SS e il CBS sono efficaci nel ridurre il deficit di rotazione interna gleno-omerale. Stabilizzare la scapola è importante e necessario durante l’applicazione dello stretching per correggere il GIRD .
CONCLUSIONI: L’esercizio di SM, in cui la scapola era più stabilizzata, sembra essere la tecnica più efficace per il trattamento del GIRD.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail