Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 June;68(2) > Medicina dello Sport 2015 June;68(2):179-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FISIOLOGICA  


Medicina dello Sport 2015 June;68(2):179-91

lingua: Italiano, Inglese

Relazione tra diversi metodi per stimare la massima velocità aerobica e la prestazione in corridori dilettanti e amatoriali

Da Silva D. F., Machado F. A.

Postgraduate Program, Department of Physical Education, State University of Maringa, Maringa, Parana, Brazil


PDF  


OBIETTIVO: L’obiettivo dello studio è stato quello di paragonare ed esaminare il rapporto fra differenti metodi per stimare la massima velocità aerobica (MAS) con la prestazione in atleti di corsa dilettanti.
METODI: Ventuno atleti di corsa dilettanti (massimo consumo di ossigeno [VO2max]: 54,0±7,6 mL·kg-1·min-1) hanno realizzato due test incrementali per ottenere sei differenti metodi per stimare la MAS. Il primo test ha utilizzato l’analisi dei gas respiratori per determinare il metodo di stima della MAS e l’altro solamente la velocità per determinare il picco di velocità (Vpeak) nel treadmill. Inoltre, ogni volontario ha effettuato un test di prestazione di 10 km e 15k m in una pista di atletica di 400 m. Ogni test era separato per almeno 48 ore dal precedente.
RISULTATI: La MAS determinata dalla Vpeak del test senza l’analisi dei gas è stato il metodo con la miglior correlazione con la prestazione di 10 km (r=0,77) e 15 km (r=0,75), così come ha presentato il minor SEE per queste prestazioni (1,26 e 1,32 km.h-1, respettivamente). La Vpeak determinata con l’analisi dei gas è stata significativamente minore della Vpeak senza l’analisi dei gas, della velocità associata con VO2max (vVO2max) definita secondo Billat e della vVO2max definita secondo Lacour. La vVO2max definita secondo Lacour è stata significativamente più alta della Vpeak determinata senza l’ analisi dei gas, della vVO2max definita secondo di Prampero e della vVO2max definita secondo Daniels.
CONCLUSIONI: In conclusione la Vpeak determinata senza utilizzo dell’analisi dei gas ha presentato la miglior correlazione con la prestazione negli atleti di corsa dilettanti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail