Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2015 Marzo;68(1) > Medicina dello Sport 2015 Marzo;68(1):57-79

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA MEDICA  


Medicina dello Sport 2015 Marzo;68(1):57-79

lingua: Italiano, Inglese

Globesity. L’esercizio fisico e l’incidenza del sovrappeso e dell’obesità: indagine negli ultimi 10 anni in una popolazione fisicamente attiva

Faiola F. 1, 2, Bianchi G. 1, 2, Luciani U. 1, 2, Speranza G. 1, 2, Casasco M. 2

1 PANATHLETICON, Medicina dello Sport, Unità Operativa FMSI, Brescia, Italy;
2 Federazione Medico Sportiva Italiana, FMSI, Rome, Italy


PDF  


OBIETTIVO: L’obesità è una problematica talmente diffusa nella popolazione mondiale da farla definire dall’OMS un’epidemia di interesse mondiale: globesity. Secondo l’OMS dal 2008 oltre 1,5 miliardi di adulti sono in sovrappeso e nel 2010 i bambini sotto i 5 anni in sovrappeso erano 43 milioni. In Italia nel 1999 il 33,4% degli adulti risultava in sovrappeso e il 9,1% obeso. È stato osservato un incremento della prevalenza dell’obesità in bambini e adolescenti, soprattutto nei Paesi industrializzati, con un’incidenza mondiale dell’obesità nel 2010 in bambini e adolescenti compresa tra il 5,3% e il 15,2%. In Italia nel 2010 il 22,9% dei bambini di 8-9 anni era in sovrappeso e il 11,1% obeso. La ricerca voleva analizzare l’incidenza di sovrappeso e obesità in un’ampia popolazione fisicamente attiva, di differenti età nell’arco di 10 anni, nel tentativo di valutare come la pratica regolare di attività fisica possa riuscire a modificare tale fenomeno.
METODI: Sono stati studiati tutti i soggetti pervenuti alla visita di idoneità agonistica dal 2003 al 2012. Sono stati rilevati i seguenti parametri: età; sesso; peso; altezza; anno di visita; IMC. I soggetti sono stati suddivisi in classi: suddivisione anagrafica e per genere (suddivisi, maschi e femmine, in giovani in crescita [bambini; fascia adolescenziale; giovani] e adulti [giovani-adulti; adulti; adulti-maturi; maturi]; suddivisione antropometrica (sottopeso, normopeso, sovrappeso, obesità); suddivisione per anno di visita.
RISULTATI: Nei dieci anni di indagine sono stati valutati 127.796 soggetti con un’incidenza dell’eccesso ponderale del 33,7±1,17% (M: 35,5±0,95%; F: 36,4±3,33% sovrappeso: 28,5±1,10%; obesità: 5,2±0,64%) con un aumento dal 2005-2008 al 2009-2011 e un successivo lieve calo negli ultimi due anni. L’eccesso ponderale ha mostrato grande variabilità tendendo a diminuire dalle età infantili alle età giovani-adulte per poi incrementare nuovamente. Obesità e sovrappeso rappresentano un problema anche in soggetti che svolgono attività sportiva regolare, seppur con un’incidenza minore rispetto alla popolazione generale italiana. Nella popolazione analizzata, composta soprattutto da maschi giovani e giovani-adulti, è evidente il fenomeno dell’abbandono dell’attività fisica dalle età adolescenziali in avanti, più accentuato nelle femmine. L’incidenza dell’eccesso ponderale mostra un graduale aumento fino al 2008-2010 con una successiva stabilizzazione o lieve riduzione, soprattutto nei più giovani. L’incidenza mostra una riduzione nella popolazione adolescenziale-giovanile, maggiormente praticanti attività fisica, con un marcato incremento negli adulti.
CONCLUSIONI: La pratica costante e regolare di attività fisica è un valido mezzo per prevenire l’obesità, soprattutto nella popolazione giovanile; con l’avanzare dell’età, però, da sola non basta. Infine il lieve calo dell’incidenza dell’eccesso ponderale negli ultimi anni può far sperare in un’iniziale regressione della globesity.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail