Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2014 Settembre;67(3) > Medicina dello Sport 2014 Settembre;67(3):411-22

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2014 Settembre;67(3):411-22

 AREA MEDICA

Allenamento dei muscoli inspiratori in giovani cestisti: una valutazione preliminare

Tranchita E., Minganti C., Musumeci L., Squeo M. R., Parisi A.

Department of Human Movement and Sport Sciences, Division of Health Sciences, University of Rome “Foro Italico”, Rome, Italy

OBIETTIVO: Obiettivo del presente studio è stato quello di valutare gli effetti di 4 settimane di allenamento specifico dei muscoli inspiratori (inspiratory muscle training, IMT) in giovani atleti praticanti la pallacanestro a livello agonistico.
METODI: Ventinove cestisti di sesso maschile (età: 21±2 anni; massa corporea: 75,31±11,84 kg; altezza: 181,28±9,55 kg, IMC: 22,79±1,90 kg∙m-2) frequentanti l’Università di Roma Foro Italico (Roma, Italia) si sono offerti volontari per partecipare allo studio e sono stati suddivisi in maniera casuale in due gruppi: gruppo di intervento (N.=15) e gruppo di controllo (N.=14). Il gruppo di intervento ha seguito un protocollo di quattro settimane che prevedeva un allenamento muscolare inspiratorio (inspiratory muscle training, IMT) effettuato mediante un dispositivo respiratorio con valvola di resistenza (POWERbreath Kinetic Health K3, HaB International©), mentre gli atleti randomizzati al gruppo di controllo non hanno svolto alcun allenamento respiratorio. Tutti gli atleti sono stati sottoposti a diverse misurazioni pre‑ e post‑intervento al fine di valutare la capacità di esercizio fisico, la funzione polmonare a riposo e la funzione polmonare dopo uno sforzo fisico, la pressione inspiratoria massima (maximal inspiratory pressure, MIP) e altri parametri stimati mediante uno strumento medico basato sulla resistenza.
RISULTATI: Dopo 4 settimane, non sono state osservate differenze statistiche nella capacità pre- e post-esercizio o nei parametri di funzionalità polmonare dei soggetti, con l’eccezione di un significativo aumento nel picco di flusso inspiratorio (30%) e nella ventilazione volontaria massima (7%) nel gruppo di intervento. I valori MIP sono aumentati in maniera significativa (30%) solo nel gruppo di intervento, assieme ai parametri del test del respiro (flusso: 27%; volume: 17%; indice-F: 26%). Non abbiamo osservato miglioramenti significativi nella percezione dell’affaticamento muscolare o nella percezione della difficoltà a eseguire la spirometria dopo l’esercizio fisico, mentre abbiamo osservato una riduzione significativa nella percezione di affaticamento respiratorio (-31%) nel gruppo di intervento. Tali risultati sono ulteriormente evidenziati dal significativo aumento dei parametri respiratori nella sessione di allenamento del gruppo di intervento (carico: 29%; indice-A: 32%; volume: 39%; potenza: 93%).
CONCLUSIONI: Il presente studio mostra che un protocollo di allenamento muscolare inspiratorio (IMT) di 4 settimane si traduce in miglioramenti della forza e della resistenza dei muscoli respiratori, riducendo l’affaticamento dei muscoli respiratori, ritardando il riflesso metabolico di restrizione e garantendo in tal modo una maggiore disponibilità energetica ai muscoli scheletrici.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina