Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2014 June;67(2) > Medicina dello Sport 2014 June;67(2):309-21

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

CASI CLINICI  


Medicina dello Sport 2014 June;67(2):309-21

lingua: Italiano, Inglese

Insorgenza improvvisa di una tendinopatia della porzione mediale del tendine d’Achille associata a un volo a lungo raggio in un atleta veterano di judo: segnalazione di un caso

De Crée C. 1, 2

1 Department of Medicine and Surgery, University of Rome “Tor Vergata”, Rome, Italy;
2 International Association of Judo Researchers, UK


PDF  


La stasi venosa causata dalle condizioni meccaniche e ambientali riscontrabili negli angusti posti a sedere durante i viaggi aerei in classe economica può condurre alla trombosi venosa profonda. La presente segnalazione di un caso descrive per la prima volta come simili circostanze, tuttavia, abbiano condotto a una particolare condizione medica. Un uomo di 44 anni di età di etnia afro-americana, ex atleta d’élite di judo, è atterrato a Tokyo da un aereo passeggeri dopo un volo intercontinentale senza scali di 10 ore, durante il quale era rimasto seduto in classe economica, lamentando rigidità, dolore e rigonfiamento palpabile a livello della porzione mediale del tendine d’Achille sinistro. Fin dall’inizio del suo nuovo lavoro intrapreso tre anni prima, il soggetto soffriva di una grave carenza cronica di sonno, aveva adottato significativi cambiamenti alimentari (aumento degli alimenti ad alto contenuto di carboidrati), e aveva sviluppato obesitas athletica e resistenza all’insulina. Il soggetto non presentava nessuna lesione al tendine d’Achille nell’anamnesi. L’ecografia color doppler e i risultati clinici erano coerenti con una peritendinite cronica, a insorgenza improvvisa, della porzione mediale del tendine d’Achille. La diagnosi differenziale includeva una tendinosi d’Achille, sindrome da conflitto posteriore della caviglia, malallineamento, tendinite tibiale posteriore, tromboembolia venosa e xantoma. Le condizioni antropometriche e metaboliche del soggetto hanno reso la lesione estremamente resistente all’applicazione di ghiaccio e ai trattamenti orali e topici. Il problema è stato risolto soltanto con l’adozione di un approccio conservativo supportato da un programma di diversi anni basato su esercizio fisico, perdita di peso, carico eccentrico sul tendine e riduzione del contenuto di carboidrati nell’alimentazione. La sindrome della classe economica descritta da precedenti autori non include la tendinopatia a insorgenza improvvisa del tendine d’Achille; inoltre, la grave carenza di sonno non è stata tipicamente associata alle tendinopatie. I problemi medici della porzione inferiore delle gambe associati a un viaggio aereo a lungo raggio negli angusti posti a sedere in classe economica possono includere le tendinopatie a insorgenza improvvisa, laddove il soggetto presenti un soggiacente ambiente metabolico proinfiammatorio, come carenza di sonno, resistenza insulinica o diabete di tipo 2. Efficaci strategie di trattamento di tali tendinopatie, pertanto, richiedono una correzione del complessivo ambiente metabolicamente ostile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail