Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2013 Marzo;66(1) > Medicina dello Sport 2013 Marzo;66(1):29-45

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FISIOLOGICA  


Medicina dello Sport 2013 Marzo;66(1):29-45

lingua: Italiano, Inglese

Valutazione del profilo alimentare, dei parametri ematici del metabolismo lipidico, del cortisolo e del testosterone in ciclisti dilettanti di élite durante il GiroBio 2010, una corsa a tappe innovativa per la tutela della salute

Simonetto L. 1, Fiorella P. 1, Broccardo D. 2, Impellizzeri F. M. 1, 3, 4, Trenti T. 5, Mattei R. 6, Ferrara G. 6, Giorgi A. 7, Bonifazi M. 7

1 Commissione Tutela della Salute, Federazione Ciclistica Italiana, Roma, Italia;
2 Centro Studi, Federazione Ciclistica Italiana, Roma, Italia;
3 CeRiSM, Università degli Studi di Verona, Rovereto, Trento, Italia;
4 Department of Research and Development, Schulthess Clinic, FIFA Centre of Excellence, Zurich, Switzerland;
5 Dipartimento di Patologia Clinica, Tossicologia e Diagnostica Avanzata, Ospedale S. Agostino Estense, Modena, Italia;
6 U.O.C Dietetica Medica, Dipartimento di Chirurgia e Bioingegneria, Università degli Studi di Siena, Siena, Italia;
7 Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Neuroscienze, Università degli Studi di Siena, Siena, Italia


PDF  ESTRATTI


Lo scopo dello studio è stato quello di valutare un gruppo di ciclisti dilettanti di alto livello durante il GiroBio 2010 (Giro d’Italia Dilettanti), una corsa a tappe della durata di dieci giorni, che presentava norme innovative di gestione con particolare riferimento alla tutela della salute. In ventuno ciclisti sono stati valutati l’apporto calorico alimentare e l’energia spesa durante la corsa e le variazioni dei principali parametri riguardanti il metabolismo lipidico, del cortisolo (C) e del testosterone totale (T) e libero (fT) attraverso prelievi ematici prima della partenza della corsa, durante e al termine della stessa. I parametri sono stati messi in relazione all’ordine di arrivo finale. I valori relativi all’apporto dei macronutrienti e dei principali micronutrienti sono presentati e, attraverso la misura del lavoro meccanico esterno individuale in ciascuna tappa, una stima dell’energia totale spesa è stata calcolata. La massa corporea degli atleti variava durante la corsa in funzione dell’impegno energetico quotidiano, tuttavia la massa finale non variava rispetto a quella iniziale. Le quantità giornaliere di kcal/kg prese durante la corsa erano inversamente correlate con la posizione finale di classifica, cioè a una posizione migliore in classifica corrispondevano quantità superiori di kcal/kg assunte. I valori di colesterolo totale, LDL e trigliceridi mostravano una diminuzione durante la corsa, mentre i valori di HDL aumentavano, rispetto ai valori di partenza. Per quanto riguarda i valori ormonali, il C e i fT diminuivano al termine della corsa rispetto ai valori di partenza, mentre il T non cambiava. I valori iniziali di T erano correlati con la posizione finale di classifica, cioè a una posizione migliore in classifica finale corrispondevano valori inferiori di T iniziale. I risultati indicano che il mantenimento dell’equilibrio energetico è uno dei fattori cruciali per il successo durante una gara a tappe. I valori dei parametri lipidici e ormonali osservati e le loro modificazioni potrebbero rappresentare aspetti adattativi che favoriscono il mantenimento di tale equilibrio durante la corsa.

inizio pagina