Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2012 Dicembre;65(4) > Medicina dello Sport 2012 Dicembre;65(4):437-57

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FISIOLOGICA  


Medicina dello Sport 2012 Dicembre;65(4):437-57

lingua: Italiano, Inglese

Valutazione dell’attività motoria e del dispendio energetico in funzione della composizione corporea e dell’efficienza fisica in soggetti di entrambi i sessi da 8 a 11 anni

Astegiano P., Bartolomei R., Ganzit G. P., Micheletti G., Milanese C., Scarzella F.

Institute of Sport Medicine FMSI, Turin, Italy


PDF  


Obiettivo. Questo studio si pone come obiettivo di raccogliere i dati sull’attività motoria in una popolazione italiana di una grande città correlandoli alla composizione corporea, all’efficienza fisica ed alle abitudini alimentari.
Metodi. Sono stati presi in considerazione 160 soggetti (maschi, M e femmine, F) da 8 a 11 anni. La valutazione funzionale ha comportato l’uso di test di laboratorio e da campo. Per la valutazione del dispendio energetico giornaliero (DE) è stato utilizzato il sistema SenseWear Armband che è stato indossato da tutti i soggetti per 2 giorni consecutivi durante la settimana e nel week-end, 2 volte nell’anno a fine autunno e in primavera.
Risultati. In entrambi i sessi i valori antropometrici e funzionali aumentano con l’età con differenze significative statisticamente a 10 e 11 anni rispetto alle età precedenti. Questo vale anche per il DE che ha presentato in media valori superiori nei maschi (181 kJoule/kg contro 165). Non sono state rilevate differenze significative fra il DE nei giorni feriali rispetto al week-end mentre il DE in primavera è risultato superiore a quello autunnale (6735 KJ vs. 6223 nei maschi e 6349 vs. 6052 nelle femmine). L’apporto calorico è risultato superiore al DE e maggiore nei maschi rispetto alle femmine (7547 kJoule vs. 6797) con eccesso di lipidi (44-45%).
Conclusioni. L’analisi delle correlazioni non ha evidenziato una relazione significativa tra DE e apporto calorico né fra DE e parametri funzionali, tranne la forza muscolare, suggerendo l’opportunità di un intervento educativo che in generale punti a ridurre il consumo di grassi alimentari e aumentare l’attività motoria e nello specifico tenga conto della situazione morfo-funzionale individuale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail